Dall’autobiografia settecentesca alla memorialistica risorgimentale / From the 17th Century autobiography to Risorgimento memoirs

Alejandro Patat

Abstract


Metteno in discussione una posizione restrittiva della critica italiana, che esclude l’influenza dell’autobiografia di Rousseau sul sistema letterario italiano, il saggio si propone di dimostrare quali siano invece i punti fondamentali di quel testo fondativo, cosa abbia apportato alla autobiografia settecentesca italiana e cosa succede quando si produce il passaggio dai modelli del Settecento alla memorialistica risorgimentale.

Debating against a restrictive position of Italian critics, that excludes the influence of the Confessions of Rousseau on the Italian literary system, this essay aims to demonstrate what the strong points of that seminal text are; what it brought to the XVIIIth Century Italian autobiography and what happened when, instead of autobiographies, romantic writers and intellectuals composed their memoirs.


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Alfieri V. (2007), Vita, introduzione e note di Marco Cerruti, Milano: Rizzoli.

Banti A.M. (2006), La nazione del Risorgimento. Parentela, santità e onore alle origini dell’Italia unita, Torino: Einaudi.

Battistini A. (1990), Lo specchio di Dedalo. Autobiografi a e biografia, Bologna: Il Mulino.

Bénichou P. (1993), La consacrazione dello scrittore. L’avvento dello spirito laico nella Francia moderna (1750-1830), Bologna: Il Mulino.

Bibliografi a ragionata delle opere di Silvio Pellico 1816-2010 (2010), a cura di C. Contilli, s.l., s.e.

Contarini S. (1997), Il mistero della macchina sensibile. Teorie delle passioni da Descartes a Alfi eri, Pisa: Pacini. Contilli C. (2012), Dalla prigionia nello Spielberg al ritorno alla vita, Raleigh: Lulu Entreprises.

Di Benedetto A., Perdichizzi V. (2014), Alfi eri, Roma: Salerno.

D’Intino F. (1997a), Il genere autobiografi a. Bibliografi a di fonti e studi, in Scrivere la propria vita. L’autobiografia come problema critico e teorico, a cura di R. Caputo, M. Monaco, introduzione di R. Mordenti, Roma: Bulzoni, pp. 315-350.

D’Intino F. (1997b), I paradossi dell’autobiografi a, in Scrivere la propria vita. L’autobiografia come problema critico e teorico, a cura di R. Caputo, M. Monaco, introduzione di R. Mordenti, Roma: Bulzoni, pp. 275-313.

D’Intino F. (1998), L’autobiografi a moderna. Storia forme problemi, Roma: Bulzoni.

Guglielminetti M. (1977), Memoria e scrittura. L’autobiografi a da Dante a Cellini, Torino: Einaudi.

Guglielminetti M. (1986), Biografi a e autobiografi a, in Letteratura italiana, diretta da A. Asor Rosa, vol. V: Le questioni, Torino: Einaudi, pp. 829-886.

Gusdorf G. (1975), De l’autobiographie initiaque à l’autobiographie genre littéraire, «Revue d’Histoire littéraire de la France», n. 6, pp. 957-994.

Lejeune P. (1975), Le pacte autobiographique, Paris: Seuil. Misch G. (1907), Geschichte der Autobiographie, Leipzig-Berlin: Teubner.

Mola A. (2005), Silvio Pellico, carbonaro, cristiano e profeta della nuova Europa, Milano: Bompiani.

Patat A. (2009), Patria e psiche. Saggio su Ippolito Nievo, Macerata: Quodlibet.

Pellico S. (2011), Le mie prigioni, Milano: Rizzoli.

Rousseau J.J. (1973), Confessions, texte établi par B. Gagnebin, M. Raymond, préface de J.B. Pontalis, notes de C. Koenig, Paris: Gallimard.

Scrivano (1977), Biografi a e autobiografi a, Roma: Bulzoni.

Scrivano R. (1997), Teoria e critica dell’autobiografi a, in Scrivere la propria vita. L’autobiografi a come problema critico e teorico, a cura di R. Caputo, M. Monaco, introduzione di R. Mordenti, Roma: Bulzoni, pp. 25-36.

Starobinski J. (2012), Accuser et séduire. Essais sur Jean-Jacques Rousseau, Paris: Gallimard.




DOI: http://dx.doi.org/10.13138/2039-2362/1165

Copyright (c) 2015 IL CAPITALE CULTURALE. Studies on the Value of Cultural Heritage


Licenza Creative Commons edita dall'eum e gestita dall'Università di Macerata, Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo, Sezione di Beni Culturali, piazzale Bertelli 1, 62100 Macerata, Italia.

Adotta specifiche politiche per la gestione e protezione dei dati.