Reperti ceramici dalle campagne di ricognizione 2006-2008 del progetto R.I.M.E.M.: metodologie di lavoro e risultati / Pottery finds from the 2006-2008 field-walking campaigns of the R.I.M.E.M. project: methodology and results

Ana Konestra, Eleonora Paris, Sonia Virgili

Abstract


In questo contributo s’intende illustrare alcune valutazioni introduttive e metodologiche riguardanti il lavoro di studio e classificazione operato sui reperti ceramici del progetto R.I.M.E.M. e presentato nel dettaglio negli articoli a seguire (Konestra, Virgili).
Il materiale da ricognizione presenta, infatti, numerose problematiche di riconoscimento e datazione, soprattutto per i secoli altomedievali, alle quali si è cercato di far fronte attraverso una catalogazione intensiva dei singoli reperti diagnostici, per mezzo di un database creato ad hoc. La seconda sezione dell’articolo è dedicata interamente ai dati ricavati dalle analisi archeometriche, effettuate dal dip. di Scienze della Terra dell’Università di Camerino (prof. E. Paris) e focalizzate alla comprensione di alcuni aspetti tecnologici e produttivi riguardanti in particolare le classi morfologiche dei forni coperchio e dei paioli a cestello. Segue un breve paragrafo conclusivo sui risultati salienti delle indagini sui materiali di età romana e medievale e un catalogo degli impasti autopticamente riconosciuti e citati negli articoli successivi.

This paper aims to illustrate introductory and methodological features peculiar to the study and classification of pottery finds yielded by the R.I.M.E.M. project surveys and presented in detail in the following papers (Konestra and Virgili). Field-walking finds, in fact, present numerous issues in recognition and dating, particularly for those of early Middle Age date, which we tried to overcome by intensive cataloguing of diagnostic shreds by means of an ad hoc database. A brief overview of the conclusions drawn from Roman and Medieval finds study is presented as well, with an appendix containing the fabric’s catalogue referred to in the following papers and compiled by macroscopic shred analysis. The second section of the paper is entirely dedicated to presenting the data from the archaeometric analysis carried out by the department of Earth sciences of the University of Camerino (prof. E. Paris) and focused on the comprehension of certain technological and productive features regarding particularly those shreds morphologically identified as pertaining to clibani and paioli a cestello.


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Albertini A. (2006), Le ceramiche medievali di Campocuiano (MC). Analisi dei manufatti ed individuazione dei possibili siti di approvvigionamento di materie prime, Tesi di laurea in Petrografia Applicata, Università degli Studi di Roma Tre, Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali, a.a. 2005-2006.

Albertini A., Casadei L. (2007), L’abitato rustico (X-XI sec.) di Campocuiano, Esanatoglia (MC): analisi tipologiche e mineralogico-petrografiche dei manufatti ceramici. Compatibilità con le materie prime locali a vocazione ceramica, in La produzione ceramica dal Medioevo all’Età Moderna: aspetti storici e tecnologici, 11aGiornata di Archeometria della Ceramica (Urbino, 16-17 aprile 2007).

Andrews D. (1982), Ceramiche dell’archeologia di superficie in Lazio, in Influenza dell’Età Industriale sulla ceramica, Atti dell’XI Convegno Internazionale della Ceramica (Albisola 1978), Savona: Centro Ligure per la Storia della Ceramica, pp. 109-120.

Bianchi S., Casadei L. (2005), Recenti rinvenimenti archeologici post rinascimentali a Esanatoglia, in Archeologia nel Maceratese – nuove acquisizioni, Macerata: Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata, pp. 146-157.

Brecciaroli Taborelli L. (1996-1997), Jesi (Ancona) – L’officina ceramica di Aesis (III sec. a.C. – I sec. d.C), «Notizi degli scavi di antichità», 7-8, Roma, 1996-97, pp. 5-250.

Campagnoli P. (2010), La domus dei Coiedii. Le fasi edilizie: revisioni e recenti acquisizioni, Archeologia nella valle del Cesano, da Suasa a Santa Maria in Portuno, a cura di E. Giorgi, G. Lepore, 2010, Atti del Convegno per i venti anni di ricerche dell’Università di Bologna (Castelleone di Suasa, Corinaldo, San Lorenzo in Campo 18-19 dicembre 2008), Bologna: Ante Quem, pp. 319- 334.

Carre M-B, Monsieur P., Pesavento Mattioli S. (2014), Transport amphorae Lamboglia 2 and Dressel 6A: Italy and/or Dalmatia? Some clarifications, «Journal of Roman Archaeology», 27, pp. 417-428.

Cirelli E. (2006), Classificazione e quantifi cazione del materiale ceramico nelle ricerche di superficie, in Medioevo, paesaggie e metodi, a cura di N. Mancassola, F. Saggioro, Mantova: Società Archeologica Padana, pp. 169-178.

Cultrone G., Rodriguez-Navarro C., Sebastian E., Cazalla O., De La Torre M.J. (2001) Carbonate and silicate phase reactions during ceramic firing, «European Journal of Mineralogy», 13(3), pp. 621-634.

Cuomo Di Caprio N. (1985), La ceramica in archeologia. Antiche tecniche di lavorazione e moderni metodi di indagine, Roma: L’Erma di Bretschneider.

Ermeti A.L. (2007), La ceramica, in Archeologia del paesaggio nel territorio di Casteldelci, Montefeltro. Atlante dei siti medievali dell’alta e media vallata del torrente Senatello. Indagini 2005-2007, a cura di A.L. Ermeti, D. Sacco, Pesaro: Stafoggia Editore, pp. 149-157.

Frapiccini N. (2001), Nuove osservazioni sulla ceramica a vernice nera da Potentia, in Potentia. Quando poi scese il silenzio... Rito e società in una colonia romana del Piceno tra Repubblica e Tardoimpero, catalogo della mostra (Porto Recanati, Castello Svevo, 5 maggio – 31 ottobre 2001), a cura di E. Percossi Serenelli, Milano: Federico Motta, pp. 144-157.

Faber A. (2003), Produzione di terra sigillata italica e il consumo di ceramiche a vernice nell’Italia meridionale alle dine della Repubblica e nelle prima età imperiale, «RCRF Acta», 38, pp. 171-179.

Gamberini A. 2015, Contenitori da trasporto e commerci nella Marche in età tardoantica, in Le forme della crisi. Produzioni ceramiche e commerci nell’Italia centrale tra Romani e Longobardi (III-VIII sec. d.C.), Atti del convegno (Spoleto-Campello sul Clitunno, 5-7 Ottobre 2012), a cura di Cirelli E., Diosono F., Patterson H., Bologna: Ante Quem, pp. 239-254.

Gnesi D., Minguzzi S., Moscatelli U., Virgili S. (2007), Ricerche sugli insediamenti medievali nell’entroterra marchigiano, «Archeologia Medievale», XXXIV, pp. 113-140.

Mazzeo Saracino L. (2003), Indicatori di produttività fittile a Suasa (AN), «RCRF Acta», 38, pp. 127-132.

Mazzeo Saracino L. (2014), Indicatori di produzione, in Mazzeo Saracino(2014a), pp. 595-598.

Mazzeo Saracino L., a cura di(2014a), Scavi di SuasaI. I reperti ceramici e vitrei dalla domus dei Coiedii, Bologna: Ante Quem.

Maggetti M. (1982), Phase analysis and its significance for technology and origin, in Olin J.S., Franklin A.D. (Eds.), Archeological Ceramics. Washington: Smithsonian Inst. Press, pp. 121-133.

Mambelli M. (2014), Ceramica a vernice nera, in Mazzeo Saracino(2014a), pp. 115-159.

Martinelli C. (2013), Analysis of roman wall paintings and pottery from Urbs Salvia (MC, Italy), PhD thesis, University of Camerino.

McDonald A. (1995), All or Nothing at all? Criteria for the Analysis of Pottery from Surface Survey, in Settlement and Economy in Italy 1500BC to 1500 AD, Papers of the Fifth Conference of Italian Archaeology, a cura di Neil Christie N., Oxford: Oxbow, pp. 25-29.

Morosiani S. (2014), Terra sigillata italica, in Mazzeo Saracino(2014a), pp. 161-212.

Moscatelli U. (2009), Variabili infide. Considerazioni sul valore testimoniale del record archeologico di superficie, in Atti del V Congresso Nazionale di Archeologia Medievale, (Foggia, Manfredonia, 30 settembre – 3 ottobre 2009), Firenze: All’Insegna del Giglio, pp. 45-47.

Nodari L., Messiga B., Maritan L., Mazzoli C., Russo U. (2007), Hematite nucleation and growth in the firing of carbonate-rich clay for pottery production, «Journal of the European Ceramic Society», 27, pp. 4665-4673.

Olcese G. (1996), Ceramiche comuni di origine tirrenica centro-meridionale tra il II secolo a.C. e il I secolo d.C: problemi aperti. L’evidenza dei reperti di Albintimilium, in Les céramiques communes de Campanie et de Narbonnaise (Iers. av J.-C.-IIes. ap. J.-C.). La vaisselle de cuisine et de table ble, a cura di Michel Bats, Napoli: Centre Jean Bérard, pp. 421-445.

Olcese G. (1993), Le ceramiche comuni di Albintimilium. Indagine archeologice a archeometrica sui materiali dell’area del Cardine, Firenze: All’Insegna del Giglio.

Patterson H. (2000), The current state of early madieval and medieval ceramic studies in Mediterranean survey, in Extracting Meaning from Ploughsoil Assemblages, a cura di R. Francovich, H. Patterson, G. Barker, Oxford: Oxbow Books, pp. 110-120.

Percossi Serenelli E. (2005), La fornace di Montelupone, in Archeologia nel maceratese: nuove acquisizioni, a cura di G. de Marinis, G. Paci, E. Percossi, M. Silvestrini, Macerata: Carima Arte, pp. 202-208.

Riccardi M.P., Messiga B., Duminuco P. (1999), An approach to the dynamics of clay firing, «Applied Clay Science», 15, pp. 393-409.

Rice P.M. (1987), Pottery analysis. A Sourcebook, London: University of Chicago Press.

Silvestrini M., Antongirolami V., D’Ulizia A., Virgili S. (2015), Camerino. Il Pino Argentato tra Medioevo e Rinascimento: la fornace di maiolica arcaica e altre produzioni ceramiche, in Pier Luigi Falaschi e i Monti Azzurri. Gratulatio amicorum, Roma: Aracne, pp. 375-414.

Vermeulen F., Verreyke H., Verhoeven G., Boullart K., Monsieur P., Van den Bergli D., Dralans S., Verdonck L. (2006), Catalogazione dei siti archeologici, in I siti archeologici della Vallata del Potenza, a cura di E. Percossi, G. Pignocchi, F. Vermeulen, Ancona: Il Lavoro Editoriale, pp. 101-220.

Whitbread I.K. (1989), A proposal for the systematic description of thin sectiontowards the study of ancient ceramics technology, in Proceedings of the 25° International Symposium on Archaeometry, Amsterdam:

Elsevier, pp. 127-138.




DOI: http://dx.doi.org/10.13138/2039-2362/1195

Copyright (c) 2015 IL CAPITALE CULTURALE. Studies on the Value of Cultural Heritage


Licenza Creative Commons edita dall'eum e gestita dall'Università di Macerata, Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo, Sezione di Beni Culturali, piazzale Bertelli 1, 62100 Macerata, Italia.

Adotta specifiche politiche per la gestione e protezione dei dati.