L’influenza del cinema d’animazione nella promozione (cine)turistica delle destinazioni. Gli effetti del fenomeno Frozen sul turismo norvegese / The influence of animation cinema in the (cine)touristic promotion of destinations. The effects of the Frozen phenomenon on Norwegian tourism

Enrico Nicosia

Abstract


Oggi le location sono diventate vere e proprie  destinazioni turistiche,  cioè  luoghi che offrono un insieme di relazioni, prodotti, servizi, elementi naturali ed artificiali, capaci di attrarre un certo numero di visitatori e soddisfarne le attese sia dal punto di vista funzionale che da quello emozionale.  Il Film Induced Tourism è una tendenza che si è affermata negli ultimi anni con la creazione di agenzie turistiche specializzate nel proporre tour guidati alle mete in cui siano state girate famose scene cinematografiche. Secondo diverse statistiche effettuate sul tema del Film Induced Tourism è dimostrato che, anche se è un fenomeno recente, è in crescita nel mercato turistico mondiale e si impone sempre più all’attenzione dei media, dei sociologi e degli operatori turistici. Con questo lavoro si cercherà di analizzare il Film Induced Tourism con l’intento di approcciarsi ad una nuova frontiera: il Cartoon Induced Tourism (il turismo indotto dalla visione di film d’animazione e cartoons), perché non solo la visione di un film o di una serie tv può indurre il potenziale (cine)turista a viaggiare. Anche un film d’animazione, che per definizione è pura creazione, può suscitare allo spettatore le stesse emozioni di una pellicola girata in una location “reale” e spingerlo ad esplorare i luoghi da cui i registi hanno preso spunto per costruire o meglio disegnare il set in cui sono ambientati. 

Nowadays locations are becoming tourist destinations, offering relations such as products, services, natural and manmade elements, able to attract a certain number of visitors, satisfying expectations from a functional point of view as well as from an emotional one. Film Induced Tourism represent a trend developed in the last years according with the creation of tourist agencies, specialised in guided tour to specific destination in which famous cinematographic scenes have been made. According to various statistics on Film Induced Tourism it was shown that, even if representing a recent phenomenon, it is a growing trend in the world tourism market, also attracting the  attention of media, sociologist and tourism field operator. With this work I try to analyze the Film Induced Tourism with the intention to approach to a new frontier: the Cartoon Induced Tourism (tourism-induced vision of animated films and cartoons), because not only watching a movie or of a TV series can induce potential (cine) tourist to travel. Even an animated film, in this case Frozen, can arouse the viewer the same feeling of a film shot on location “real” and push to explore the places from which the directors have been inspired to build or rather draw the set in which they are set.

 


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Aicardi G. (2006), Pixar, Inc: la Disney del Duemila, Latina: Tunuè.

Antonini A., Tognolotti C. (2008), Mondi possibili, un viaggio nella storia del cinema d’animazione, Milano: Il Principe Costante.

Beeton S. (2006), “Understanding Film-Induced Tourism”, «Tourism Analysis», 11, n. 3, pp. 181-188.

Beeton S. (2005), Film Induced Tourism, Clevedon: Channel View Publications.

Bernardi S. (2002), Il paesaggio nel cinema italiano, Venezia: Marsilio.

Buccheri V. (2004), Il film, Roma: Carocci editore.

Buchmann A., Moore K., Fisher D. (2010), Experiencing Film Tourism, Authenticity & Fellowship, «Annals of Tourism Research», 37, n.1, pp. 229–248.

Cambi F., Rossi G. (2006), Paesaggi della fiaba: luoghi, scenari, percorsi, Roma: Armando.

Ceruso T. (2013), Tra Disney e Pixar. La maturazione del cinema d’animazione americano, Roma: Sovera.

Cucco M., Richeri G. (2013), Il mercato delle location cinematografiche, Venezia: Marsilio.

La Magna F. (2002), Il Set Spettacoloso itinerari etnei nel cinema, Roma: Bonanno editore.

Mac Cannell D. (1976), The Tourist: A New Theory of the Leisure Class, New York: Schocken Books.

Manzi E. (1997), Duckscapes. I paesaggi di Paperino, «Rivista Geografica Italiana», 109, n.1, pp. 1-32.

Moscati L. (2006), Breve storia del cinema, Milano: Bompiani.

Nicosia E. (2015), Le location cinematografiche: nuove destinazioni turistiche di successo internazionale in Il turismo nelle/delle destinazioni, a cura di G. Cusimano, Bologna: Pàtron, pp. 99-114.

Nicosia E. (2012), Cineturismo e Territorio. Un percorso attraverso I luoghi cinematografici, Bologna: Pàtron.

Nicosia E. (2011), La Sicilia e il cineturismo, in Percorsi di Geografia, a cura di L. Mercatanti Bologna: Pàtron, pp. 389-403.

Provenzano R.C., a cura di (2007), Al cinema con la valigia. I film di viaggio e il cineturismo, Milano: Franco Angeli.

Rondolino G. (2003), Storia del cinema d’animazione, Torino: Utet Libreria.

Scottish Tourism Board (1991), Film Tourism Guidelines for the Tourism Industry, Edimburg: Scottish Tourism Board.

Riley R., Baker D., van Doren C.S. (1998), Movie Induced Tourism, «Annals of Tourism Research», 25, n. 4, pp. 919-935.

Roesch S. (2009), The experiences of film locations tourists, Bristol: Channel View Publications.

Tortora M. (2008), Viaggi nell’animazione: interventi e testimonianze sul mondo animato da Émile Raynaud a Second Life, Latina: Tunuè.

Vagionis N., Loumioti M. (2011), Movies as a tool of modern tourist marketing, «Tourismos: an international multidisciplinary journal of tourism», 6, n. 2, pp. 353-362.




DOI: http://dx.doi.org/10.13138/2039-2362/1405

Copyright (c) 2016 IL CAPITALE CULTURALE. Studies on the Value of Cultural Heritage


Licenza Creative Commons edita dall'eum e gestita dall'Università di Macerata, Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo, Sezione di Beni Culturali, piazzale Bertelli 1, 62100 Macerata, Italia.

Adotta specifiche politiche per la gestione e protezione dei dati.