Salvator Rosa e Napoli / Salvator Rosa and Naples

Daniela De Liso

Abstract


 

Salvator Rosa (Napoli, 1615- Roma 1673) fu pittore e poeta tra i più interessanti del secolo diciassettesimo. Il saggio intende indagare il complesso rapporto artistico e personale che Rosa ebbe con la città di Napoli, in cui era nato e dalla quale era quasi fuggito quando era poco più che un ragazzo. Attraverso una lettura delle principali fonti biobibliografiche a lui contemporanee, di alcune delle sue tele, dei versi delle Satire e di stralci delle lettere che a Napoli dedicherà, s’intende sottolineare che della capitale del Meridione la scrittura e l’arte di Salvator Rosa sono in grado di restituirci un’immagine altra rispetto a quella topica di Napoli gentile, perla luminosa di quella Campania felix che proprio nel Seicento attrae pittori e poeti da ogni parte d’Europa. Nei versi di Rosa, come nella scrittura in prosa, Napoli è, infatti, croce e delizia, prigione da cui fuggire e porto di quell’agognato ritorno che, al di là delle leggendarie asserzioni di alcuni biografi romantici, mai avverrà.

 

Salvator Rosa (Naples, 1615- Rome, 1673) was a painter and poet among the most interesting of the seventeenth century. The essay intends to investigate the complex artistic and personal relationship that Rosa had with the city of Naples, where she was born and from which she had fled when she was little more than a boy. Through a reading of the main biobibliographic sources to him contemporary, some of his canvases, the verses of the Satire and the excerpts of the letters that Naples will dedicate, it is meant to point out that in the capital of the South the writing and art of Salvator Rosa are Able to give us an image other than the topical one of Napoli's kind, bright pearl of the Campania felix that in the seventeenth century attracts painters and poets from all over Europe. In the lines of Rosa, as in prose writing, Naples is, in fact, a cross and delight, a prison from which to flee and bring about that auspicious return that, beyond the legendary assertions of some romantic biographers, will never happen.


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Riferimenti bibliografici/References

Baldinucci F. (1830), La vita di Salvator Rosa, a cura di B. Gamba, Venezia: Alvisopoli.

Baldinucci F. (1847), Notizie de’ professori del Disegno da Cimabue in qua, Roma: ed. a cura di F. Ranalli, V, p. 437.

Benassar B. (1985), Il secolo d’oro spagnolo, Milano: Rizzoli.

Conte F. (2010) Salvator Rosa negli scritti encomiastici degli Accademici Percossi, in Firenze milleseicentoquaranta: arti-lingua-musica-scienza, Atti del Convegno internazionale di Studi (Firenze, 11-12 dicembre 2008), a cura di E. Fumagalli, A. Nova, M. Rossi, Venezia: Marsilio.

Conte F. (2014), Tra Napoli e Milano. Viaggi di artisti nell'Italia del Seicento. II. Salvator Rosa, Firenze: Edifir.

Croce B. (1953), Storia del Regno di Napoli, Bari: Laterza.

De Dominici B. (1742), Vite de’ pittori, scultori ed architetti napoletani, Napoli: Ricciardi, vol. III, p. 214.

De Frede A. (1952), La fondazione delle prime Scuole Pie in Napoli nelle lettere di s. Giuseppe Calasanzio, «Archivio Storico per le Province napoletane», nuova serie, XXXIII, p. 244.

De La Vigne A. (1981), Le voyage de Naples, a cura di A. Slerca, Milano: Vita e Pensiero.

De Liso D. (2008), La Napoli barocca (1543-1700), in Ead. et alii, Napoli, città d’autore. Un racconto letterario da Boccaccio a Saviano, Opera diretta da R. Giglio, Napoli: Edizioni Cento Autori, vol. I, pp. 121-248.

De Liso D. (2012), Immagini della Napoli Spagnola, in Il viaggio a Napoli tra letteratura e arti, a cura di P. Sabbatino, Napoli: ESI Edizioni Scientifiche Italiane, pp. 219-230.

Della Ragione A. (2011), La pittura del Seicento napoletano, Napoli: edizioni Napoli Arte.

De Seta C. (2008), I viaggiatori stranieri e l’immagine di Napoli nel Seicento, in «Napoli è tutto il mondo». Neapolitan art and culture from Humanism to the Enlightenment, Roma 19-21 giugno 2003, a cura di L. Pestilli, I. D. Rowland, S. Schütze, Pisa-Roma: Fabrizio Serra, pp. 203-226.

Di Mauro L. (1985), «Cosa più dilettosa veder non si può in terra». Cinque secoli di guide e descrizioni di Napoli, in G. A. Galante, Guida sacra della città di Napoli, a cura di N. Spinosa, Napoli: Società editrice napoletana, pp. XXXIX-LIV.

Festa L. (1982), Aspetti della vita e dell’arte di Salvator Rosa, «Archivio Storico delle Provincie Napoletane», III, s. XXI, pp. 1-2, nn. 1-2.

Fuscano I. B. (2007), Stanze sovra la bellezza di Napoli, a cura di C.A. Addesso, Napoli: Edizioni Scientifiche Italiane.

Galasso G. (1996), Dalla «libertà d’Italia» alle «preponderanze straniere», Napoli: Editoriale scientifica.

Galasso G. (2005), L’egemonia spagnola in Italia, in Storia della Letteratura italiana, diretta da E. Malato, Roma: Salerno, vol. 9, pp. 371-411.

Lutz G. (1971), Brancaccio, Francesco Maria, in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 13, pp. 774-776.

Manfredi R. (1991-1992), Le «descrittioni» di Napoli (1452-1692). Appunti per una ricerca bibliografica, «Rendiconti dell’Accademia di Archeologia, Lettere e Belle Arti», LXIII, pp. 63-108.

Manfredi R. (2005), «La più amena e dilettevole parte che abbia il mondo». Napoli nei Ritratti di Città del Cinquecento, «Studi Rinascimentali», 3, pp. 153-169.

Lady Morgan S. (1824), The life and times of Salvator Rosa, London: Henry Colburne, vol. I.

Pascoli L. (1730), Vite de’ pittori, scultori ed architetti moderni, Roma: Antonio De Rossi, p. 63.

Passeri G. B. (1772), Vite de’ pittori, scultori e Architetti che hanno lavorato in Roma, Roma: Presso Natale Barbiellini.

Prota Giurleo U. (1929), La famiglia e la giovinezza di Salvator Rosa, Napoli: a spese dell’autore.

Rak M. (2003), L’immagine di una capitale, in Rak M., Immagine e scrittura. Sei studi sulla teoria e la storia dell’immagine nella cultura del Barocco a Napoli, Napoli: Liguori, pp. 147-186.

Rak M. (2008), L’immagine di Napoli nel Seicento europeo, in «Napoli è tutto il mondo». Neapolitan art and culture from Humanism to the Enlightenment, Atti della International conference (Roma, 19-21 giugno 2003), a cura di L. Pestilli, I. D. Rowland, S. Schütze, Pisa- Roma: Fabrizio Serra, pp. 271-294.

Rosa S. (1860), Satire, odi e lettere, illustrate da G. Carducci, Firenze: Barbera.

Rosa S. (1995), Satire, a cura di D. Romei, commento di J. Manna, Milano: Mursia.

Rosa S. (2003), Lettere, raccolte da L. Festa, a cura di G. G. Borrelli, Bologna: Il Mulino.

Sabbatino P. (1990), Le descrizioni di Napoli nel Cinquecento, «Misure critiche», XXI, pp. 80 ss.

Salazar L. (1896), Documenti inediti intorno ad artisti del secolo XVIII, «Napoli nobilissima», V, fasc. I, p. 124.

Salazar L., (1903) Salvator Rosa ed i Fracanzani (nuovi documenti), «Napoli nobilissima», XII, 8, pp. 119-123.

Salerno L. (1975), L’opera completa di Salvator Rosa, Milano: Rizzoli.

Spinosa A. (2008), Salvator Rosa a Napoli, in Salvator Rosa tra mito e magia, a cura di S. Cassani, Napoli, Museo di Capodimonte 18 aprile 2008-29 giugno 2008, Catalogo della Mostra, Napoli: Electa Napoli.

Strazzullo F. (1955), Documenti inediti per la Storia dell’Arte a Napoli, Napoli: il Fuidoro, pp. 33-34.

Tanturri A. (2001), Gli Scolopi nel Mezzogiorno d’Italia in Età moderna, «Archivum Scholarum piarum», L, pp. 3-221.

Tasso T. (1978), Lettere, a cura di E. Mazzali, Torino: Einaudi, tomo II, pp. 336-337.

Volpi C. (2005), Salvator Rosa e il cardinale Francesco Maria Brancaccio tra Napoli, Roma e Firenze, «Storia dell’arte», nuova serie, XII, 112, pp. 119-148.




DOI: http://dx.doi.org/10.13138/2039-2362/1584

Copyright (c) 2017 IL CAPITALE CULTURALE. Studies on the Value of Cultural Heritage


Licenza Creative Commons edita dall'eum e gestita dall'Università di Macerata, Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo, Sezione di Beni Culturali, piazzale Bertelli 1, 62100 Macerata, Italia.

Adotta specifiche politiche per la gestione e protezione dei dati.