Canto a Bologna. Una commedia inedita di Gherardo Gherardi / Canto a Bologna. A Gherardo Gherardi's unplublished comedy

Agnese Marasca

Abstract


Gherardo Gherardi (1891-1949), drammaturgo, critico teatrale, sceneggiatore cinematografico, sebbene poco conosciuto, anche in ambito specialistico, ha ricoperto un ruolo centrale nel panorama dello spettacolo e in quello più generalmente culturale del primo Novecento.

Alla sua Bologna, città della giovinezza, della carriera giornalistica e di quella drammaturgica, Gherardi dedica un dramma inedito dai toni brillanti e, al contempo, nostalgici: Canto a Bologna.

L'inedito, di cui qui si presentano ampi stralci, è stato restituito in edizione diplomatica nella mia tesi di dottorato, insieme ad altre commedie dell'autore, anch'esse inedite.

La rivalutazione della figura e dell'opera di Gherardi non può prescindere dalla rilettura delle sue drammaturgie inedite.

 

Gherardo Gherardi (1891-1949), dramatist, theater critic, screenwriter, although little known, also in specialized environment, played a central role in the scene of the show and, generally, in that of the early twentieth century's culture.

To Bologna, his city of youth, of his journalistic and dramaturgical career, Gherardi dedicates an unreleased play, with bright and nostalgic tones at the same time: Canto a Bologna.

The unpublished, here we have wide excerpts, is returned in a diplomatic edition in my PhD dissertation, along with other author's plays even unreleased.

The revaluation of Gherardi's figure and work can not ignore the re-reading of his unreleased plays.


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Riferimenti bibliografici / References

Bassani G. (1999), Il giardino dei Finzi-Contini, Torino: Einaudi.

Cervi G. (1964), Mio caro Gherardo, Bologna: Archivio della Casa di Riposo per Artisti e Operatori dello Spettacolo “Lyda Borelli”, Fondo Gherardo Gherardi.

Gandolfi R., Martini G. (1998), Le forbici di Gherardi. Scritture per scena e schermo tra le due guerre, Porretta Terme: I Quaderni del Battello Ebbro.

Gherardi G. (s. d.), Canto a Bologna, Bologna: Archivio della Casa di Riposo per Artisti e Operatori dello Spettacolo “Lyda Borelli”, Fondo Gherardo Gherardi, n. inv. 10643 Gher, copioni 309.

Gherardi G. (s. d.), Per presentarvi Gino Cervi, Bologna: Archivio della Casa di Riposo per Artisti e Operatori dello Spettacolo “Lyda Borelli”, Fondo Gherardo Ghepardi.

Gherardi G. (1921), Il naufrago, Vicenza: Galla.

Gherardi G. (1921), L'ombra, Vicenza: Galla.

Gherardi G. (1927), Don Chisciotte, Firenze: Vallecchi.

Gherardi G. (1930), L'ultimo atto dell'Alcesti di Euripide, Bologna: Stabilimenti Poligrafici Riuniti.

Gherardi G. (1934), Il focolare, Firenze: Nemi.

Gherardi G. (1953), Sei commedie, Rocca San Casciano: Cappelli.

Gozzadini G. (1875), Delle torri gentilizie di Bologna e delle famiglie alle quali prima appartennero, Bologna: Zanichelli.

Lancia E., Poppi R., a cura di (2003), Dizionario del cinema italiano: gli attori, vol. 1, Roma: Gremisse.

Lancia E., Poppi R., a cura di (2003), Dizionario del cinema italiano: gli attori, vol. 2, Roma: Gremese.

Lancia E., Poppi R., a cura di (2003), Dizionario del cinema italiano: le attrici, Roma: Gremisse.

Lucchini A. (2006), Cronache del teatro dialettale bolognese dalle origini ai giorni nostri, Bologna: Pendragon.

Marasca A. (2017), Un teatro dietro le quinte. Le drammaturgie inedite di Gherardo Gherardi, Tesi di Dottorato in Ecdotica, Esegesi e Analisi dei Testi Antichi e Moderni, XXVIII ciclo, Relatore Prof.ssa Tiziana Mattioli, Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, a.a. 2015-2016.

Monarini A. (1968), Tizio, Caio e San Petronio: vicende di nomi nel dialetto bolognese, Bologna: Tamari.

Roversi G., a cura di (1989), Le torri di Bologna: quando e perché sorsero, come vennero costruite, quante furono, chi le innalzò, come scomparvero, quali esistono ancora, Casalecchio di Reno: Grafis.




DOI: http://dx.doi.org/10.13138/2039-2362/1641

Copyright (c) 2017 IL CAPITALE CULTURALE. Studies on the Value of Cultural Heritage


Licenza Creative Commons edita dall'eum e gestita dall'Università di Macerata, Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo, Sezione di Beni Culturali, piazzale Bertelli 1, 62100 Macerata, Italia.

Adotta specifiche politiche per la gestione e protezione dei dati.