I Buonaccorsi e i veneti / The Buonaccorsi family and the Venitians

Paolo Delorenzi

Abstract


Nell’ambito della Galleria dell’Eneide e, più in generale, delle collezioni dei Buonaccorsi, la presenza veneta gode di un assoluto rilievo. Nella commissione di opere pittoriche e scultoree, due generazioni della famiglia marchigiana si sono affidate a maestri originari di quell’area geografica e culturale, con la quale sussistevano stretti legami. Grazie a una nuova analisi di questi rapporti, a indagini bibliografiche e, soprattutto, a importanti scoperte documentarie è stato possibile ricostruire una significativa trama di relazioni che vede coinvolti, da un lato, i Buonaccorsi, in particolare i fratelli Raimondo e Filippo, dall’altro i membri di due celebri famiglie veneziane connesse alla curia romana, ovvero Aurelio Rezzonico e monsignor Antonio Widmann. Quest’ultimo, che fu governatore della Marca dal 1710 al 1717, si accomuna ai Buonaccorsi per l’analogia delle scelte culturali e artistiche.


The Venetian contribution to the formation of the Buonaccorsi’s collection enjoys a prominent position, particularly within the framework of the Gallery of Aeneid. Two generations of the noble family of the Marche region commissioned paintings and sculptures to masters from the geographical and cultural area of Veneto. Thanks to a new analysis of these ties, to bibliographic investigations and, above all, to important documentary discoveries it is possible to reconstruct a significant relationship between the brothers Raimondo and Filippo Buonaccorsi and the members of two eminent Venetian families connected to the Roman Curia, namely Aurelio Rezzonico and Monsignor Antonio Widmann. The latter, who was governor of the Marca from 1710 to 1717, shared with the Buonaccorsi similar cultural and artistic choices.


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Apolloni D. (2000), Pietro Monaco e la Raccolta di cento dodici stampe di pitture della storia sacra, Monfalcone: Edizioni della Laguna.

Barbieri C., Prete C. (1996), La Galleria dell’Eneide di Palazzo Buonaccorsi a Macerata. Documenti inediti, Macerata: Accademia di Belle Arti.

Barbieri C., Prete C. (1997), La Galleria di Palazzo Bonaccorsi a Macerata: note documentarie sulla committenza e su Michelangelo e Nicolò Ricciolini, «Ricerche di Storia dell’Arte», 62, pp. 81-93.

Barbieri F. (1989-1990), Gli ignorati Marinali del «Giardino Buonaccorsi». Una precisazione su Giovanni Bonazza a Macerata, «Università di Macerata. Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia», XXI-XXIII, 1, pp. 121-133.

Barucca G., Sfrappini A., a cura di (2001), “Tutta per ordine dipinta”. La Galleria dell’Eneide di Palazzo Buonaccorsi a Macerata, Urbino: Quattroventi.

Baruffaldi G. (1846), Vite de’ pittori e scultori ferraresi, II, Ferrara: coi Tipi dell’Editore Domenico Taddei.

Calcagni D. (1711), Memorie istoriche della città di Recanati nella Marca d’Ancona, Messina: nella Stamparia di D. Vittorino Maffei.

Ciuffoni L., F. Menichelli (1994), Documenti relativi al «Giardino Buonaccorsi» di Potenza Picena, in Ville e dimore signorili di campagna del maceratese, Atti del XXVIII Convegno di Studi Maceratesi (Abbadia di Fiastra - Tolentino, 14-15 novembre 1992), Macerata: Centro di Studi Storici Maceratesi, pp. 317-453.

Crescimbeni G.M. (1714), L’istoria della volgar poesia, Roma: nella Stamperia d’Antonio de’ Rossi.

Curzi V. (2000), Declino della fortuna della pittura veneta nelle Marche del Settecento, in Pittura veneta nelle Marche, a cura di V. Curzi, Cinisello Balsamo: Silvana Editoriale, pp. 283-305.

D’Arcais F., a cura di (1981), Antonio Balestra, in L. Pascoli, Vite de’ pittori, scultori ed architetti viventi dai manoscritti 1383 e 1743 della Biblioteca Comunale «Augusta» di Perugia, Treviso: Libreria Editrice Canova, pp. 107-148.

Dal Pozzo B. (1718), Le vite de’ pittori, degli scultori et architetti veronesi, Verona: per Giovanni Berno.

De Dominici B. (1742), Vite de’ pittori, scultori ed architetti napoletani, II, Napoli: per Francesco e Cristoforo Ricciardo, Stampatori del Real Palazzo.

De Vincenti M. (2014), Sculture nei giardini delle ville venete. Il territorio vicentino, Venezia: Marsilio.

Del Bufalo A. (1982), G.B. Contini e la tradizione del tardomanierismo nell’architettura tra ’600 e ’700, Roma: Edizioni Kappa.

Favilla M., Rugolo R. (2009a), Per Antonio Balestra, «Arte Veneta», 66, pp. 85-101.

Favilla M., Rugolo R. (2009b), Pietro Paolo Retano, in Il collezionismo d’arte a Venezia. Il Settecento, a cura di L. Borean, S. Mason, Venezia: Marsilio Editori, pp. 295-296.

Felloni G. (1971), Gli investimenti finanziari genovesi in Europa tra il Seicento e la Restaurazione, Milano: Dott. A. Giuffrè Editore.

Franco T. (1991), Pietro Baratta, il cardinal Pamphili e l’abbazia di Follina, «Venezia Arti», 13, pp. 63-72.

Frascarelli D., Testa L. (2004), La casa dell’eretico. Arte e cultura nella quadreria romana di Pietro Gabrielli (1660-1734) a Palazzo Taverna di Montegiordano, Roma: Istituto Nazionale di Studi Romani.

Ghio L., Baccheschi E. (1989), Antonio Balestra, in I pittori bergamaschi dal XIII al XIX secolo. Il Settecento, II, Bergamo: Bolis, pp. 79-291.

Giudici C. (1991), «L’Appartamento». Alcuni casi di collezionismo e committenza, in Storia di Forlì. III. L’età moderna, a cura di C. Casanova, G. Tocci, Bologna: Nuova Alfa, pp. 177-210.

Goldhahn A. (2017), Von der Kunst des sozialen Aufstiegs. Statusaffirmation und Kunstpatronage der venezianischen Papstfamilie Rezzonico, Köln: Böhlau Verlag.

Grimaldi F. (2001), Pellegrini e pellegrinaggi a Loreto nei secoli XIV-XVIII, s.l.: s.n.

Griseri A. (1989), Juvarra regista di una rivoluzione del gusto, in Filippo Juvarra a Torino. Nuovi progetti per la città, a cura di A. Griseri, G. Romano, Torino: Cassa di Risparmio di Torino, pp. 11-52.

Guerriero S. (2009), Per un repertorio della scultura veneta del Sei e Settecento. I, «Saggi e Memorie di storia dell’arte», 33, pp. 205-292.

Haskell F. (1963), Patrons and Painters. A Study in the Relations Between Italian Art and Society in the Age of the Baroque, London: Chatto & Windus.

Heineken, C.H. von (1757), Recueil d’estampes d’après les plus célèbres tableaux de la Galerie Royale de Dresde, II, Dresde: Christian Heinrich Hagenmüller.

Lehninger, J.A. (1782), Abrégé de la vie des peintres, dont les tableaux composent la Galerie Electorale de Dresde, Dresde: chez les Freres Walther, libraires-imprimeurs de la Cour.

Lotoro V., Carotenuto S., a cura di (2010), Collezionisti e committenti veneti, in La fortuna del Barocco napoletano nel Veneto. Dipinti napoletani del Sei e Settecento dal Veneto, catalogo della mostra (Salerno, Pinacoteca Provinciale, 23 dicembre 2010 - 30 gennaio 2011), a cura di M.A. Pavone, Foggia: Claudio Grenzi Editore, pp. 93-150.

Magani F. (1989), Il collezionismo e la committenza artistica della famiglia Widmann, patrizi veneziani, dal Seicento all’Ottocento, Venezia: Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti.

Magani F. (1989-1990), Alcuni ragguagli e novità sul collezionismo dei Widmann tra Seicento e Ottocento attraverso un inventario redatto da Pietro Edwards, «Atti dell’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti», CXLVIII, Classe di scienze morali, lettere ed arti, pp. 1-19.

Maggiori A. (1832), Dell’itinerario d’Italia e sue più notabili curiosità d’ogni specie, 2 voll., Ancona: presso Arcangelo Sartorj.

Melatini A. (1993), I Bonaccorsi tra Medioevo e Novecento, Civitanova Marche: Gruppo Duomo Assicurazioni.

Miller D.C. (1963), The Gallery of Aeneid in the Palazzo Bonaccorsi at Macerata, «Arte Antica e Moderna», 22, pp. 153-158.

Nante A., Cavalli C., Pasquali S., a cura di (2008), Clemente XIII Rezzonico. Un papa veneto nella Roma di metà Settecento, catalogo della mostra (Padova, Museo Diocesano, 12 dicembre 2008 - 15 marzo 2009), Cinisello Balsamo: Silvana Editoriale.

Nante A., Cavalli C., Gios P., a cura di (2013), Carlo Rezzonico: la famiglia, l’episcopato padovano, il pontificato, Atti della Giornata di Studi (Padova, 12 novembre 2008), Padova: Istituto per la Storia Ecclesiastica Padovana.

Noè E. (1980), Rezzonicorum cineres. Ricerche sulla collezione Rezzonico, «Rivista dell’Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte», 3, pp. 173-306.

Orselli G. (1717), Dimostrazioni di allegrezza e ossequio per le felicissime nozze dell’illustrissimo signor marchese Andrea Albicini colla illustrissima signora marchesa Lucrezia de conti Buonaccorsi, Forlì: Felice Dandi, Stampatore Vescovile.

Pavanello G. (1998), I Rezzonico: committenza e collezionismo fra Venezia e Roma, «Arte Veneta», 52, pp. 86-111.

Pavanello G., a cura di (2010), Gli affreschi nelle ville venete. Il Settecento, I, Venezia: Marsilio Editori.

Pavanello G., a cura di (2013), La basilica dei Santi Giovanni e Paolo. Pantheon della Serenissima, Venezia: Marcianum Press - Fondazione Giorgio Cini.

Pierguidi S. (2004), Il programma sacrificato ai pittori: le gallerie La Vrillière (Parigi, 1635-1660), Spada (Roma,1698-1705) e Bonaccorsi (Macerata, 1710-1717), «Saggi e Memorie di storia dell’arte», 28, pp. 129-168.

Pighini-Bates C. (2013), La famille Del Medico et le marché du marbre dans l’Europe du XVIIIe siècle, in Marbres des Rois, a cura di P. Julien, Aix-en-Provence: Presses universitaires de Provence, pp. 151-164.

Pizzo M. (2002), Livio Odescalchi e i Rezzonico. Documenti su arte e collezionismo alla fine del XVII secolo, «Saggi e Memorie di storia dell’arte», 26, pp. 119-153.

Prete C. (2001), Note sulla Galleria e sulla Collezione Buonaccorsi, in Barucca, Sfrappini 2001, pp. 21-35.

Prete C. (2011), Il patrimonio artistico privato marchigiano nelle carte di Marcello Oretti, in Cultura nell’età delle Legazioni, Atti del Convegno di Studi (Ferrara, 20-22 marzo 2003), a cura di F. Cazzola, R. Varese, Firenze: Le Lettere, pp. 701-742.

Prohaska W., Spinosa N., a cura di (1994), Settecento napoletano. Sulle ali dell’aquila imperiale 1707-1734, catalogo della mostra (Vienna, Kunstforum, 10 dicembre 1993 - 20 febbraio 1994 / Napoli, Castel Sant’Elmo, 19 marzo - 24 luglio 1994), Napoli: Electa.

Radassao R. (1998), Nicolò Bambini “pittore pronto spedito ed universale”, «Saggi e Memorie di storia dell’arte», 22, pp. 131-287.

Ricci A. (1834), Memorie storiche delle arti e degli artisti della Marca di Ancona, 2 voll., Macerata: Tipografia di Alessandro Mancini.

Ripa C. (1625), Della novissima iconologia, Padova: per Pietro Paolo Tozzi.

Rösch Widmann E.S. (1980), I Widmann. Le vicende di una famiglia veneziana dal Cinquecento all’Ottocento, Venezia: Centro Tedesco di Studi Veneziani.

Rostirolla G. (2001), Il “Mondo novo” musicale di Pier Leone Ghezzi, Milano: Skira Editore.

Santucci P. (1981), Ludovico Mazzanti (1686-1775), L’Aquila: Japadre Editore.

Sricchia Santoro F., Zezza A., edizione commentata a cura di (2008), Bernardo De Dominici, Vite de’ pittori, scultori ed architetti napoletani, III, Napoli: Paparo Edizioni.

Tomezzoli A. (2004), Una nota discorde nel giardino di Armida: la raffigurazione dei Nani nella statuaria veneta da Giardino del Sei e Settecento, «Arte Veneta», 61, pp. 124-177.

Weber C., a cura di (1994), Legati e Governatori dello Stato Pontificio (1550-1809), Roma: Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, Ufficio Centrale per i Beni Archivistici.

Zanotti G. (1739), Storia dell’Accademia Clementina di Bologna aggregata all’Instituto delle Scienze e dell’Arti, 2 voll., Bologna: per Lelio dalla Volpe.

Zava Boccazzi F. (1990), I veneti della Galleria Conti di Lucca (1704-1707), «Saggi e Memorie di storia dell’arte», 17, pp. 109-152.




DOI: http://dx.doi.org/10.13138/2039-2362/1840

Copyright (c) 2018 IL CAPITALE CULTURALE. Studies on the Value of Cultural Heritage


Licenza Creative Commons edita dall'eum e gestita dall'Università di Macerata, Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo, Sezione di Beni Culturali, piazzale Bertelli 1, 62100 Macerata, Italia.

Adotta specifiche politiche per la gestione e protezione dei dati.