Le gallerie veronesi nella tarda età barocca / The galleries in Verona in the Baroque period

Sergio Marinelli

Abstract


Il periodo compreso tra gli ultimi decenni del Seicento e i primi del Settecento segnò, in particolar modo a Verona, la fioritura di gallerie di dipinti, comprendenti opere di autori antichi e contemporanei, sia presso le famiglie nobiliari sia presso quelle mercantili più abbienti. Il nobile Bartolomeo dal Pozzo dà il resoconto di esse nella sua celebre opera scritta del 1718.

Antonio Balestra, autore di un dipinto nella più grandiosa di queste gallerie, quella di Ercole Giusti ai Santi Apostoli, invia ancora nello stesso anno, un’importante opera per la galleria dell'Eneide a Raimondo Buonaccorsi a Macerata. Di quest'ultima restano disegni, copie, varianti, incisioni.



Especially in Verona, the period between the last decades of the seventeenth century and the early years of the eighteenth century marked the flowering of galleries of paintings, including works by ancient and contemporary authors, both among noble families and among the most wealthy mercants. An accurate account can be read in the famous book published in 1718 by the aristocrat Bartolomeo dal Pozzo.

Antonio Balestra, author of a painting in the most prestigious of these galleries, that of Ercole Giusti at Santi Apostoli, in the same year sent an important work to Raimondo Buonaccorsi, in Macerata, for his Gallery of Aeneid. Of the latter there are drawings, copies, variations and engravings.



Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Dal Pozzo B. (1718), Le vite de’ pittori, degli scultori et architetti veronesi, Verona: per Giovanni Berno.

Frascione E., a cura di (1991), Disegni italiani del Sei-Settecento, catalogo della mostra (Fiesole, Palazzina Mangani, 19 settembre - 3 novembre 1991), s.l.: Associazione Antiquari d’Italia.

Ghio L., Baccheschi E. (1989), Antonio Balestra, in I pittori bergamaschi dal XIII al XIX secolo. Il Settecento, II, Bergamo: Bolis, pp. 79-291.

Knox G. (1997), The Collection of Ercole Giusti, «Verona Illustrata», 10, pp. 23-39.

Magani F. (2017), Verona nobile e borghese nelle sue collezioni d’arte del Seicento, in La pittura veronese nell’età barocca, a cura di L. Fabbri, F. Magani, S. Marinelli, Verona: Scripta, pp. 2-31.

Marinelli S. (1978), Lo stile “eroico” e l’Arcadia, in La pittura a Verona tra Sei e Settecento, catalogo della mostra (Verona, Palazzo della Gran Guardia, 30 luglio - 5 novembre 1978) a cura di L. Magagnato, Vicenza: Neri Pozza, pp. 31-75.

Marinelli S. (2000), Nota a Giambattista Buratto, «Verona illustrata», 13, pp. 41-50.

Posse H. (1931), Die Briefe des Grafen Francesco Algarotti an den sachsischen Hof und seine Bilderkaufe fur die dresdner Gemaldegalerie 1743-1747, «Jarhbuch der Koniglichen Preussischen Kunstsammlungen», , 52, Beiheft, pp. 1-73.

Robison A. (2014), La Poesia della luce. Disegni veneziani dalla National Gallery of Art di Washington, catalogo della mostra (Venezia, Museo Correr, 6 dicembre 2014 - 15 marzo 2015), Venezia: Marsilio.

Ruggeri U., a cura di (1976), Disegni veneti del Settecento nella Biblioteca Ambrosiana, Vicenza: Neri Pozza.

Ruggeri U., a cura di (1979), Disegni veneti dell’Ambrosiana, catalogo della mostra (Venezia, Fondazione Giorgio Cini, 1979), Vicenza: Neri Pozza.

[Selva, G.A.] (s.d.) [ma 1776], Catalogo dei quadri, dei disegni e dei libri che trattano dell’arte del disegno della Galleria del fu sig. Conte Algarotti in Venezia, Venezia: s.e.

Turro Baldassarri M. (2003), Lettere di Giovanni Antonio Armano a Giovanni Pelli Bencivenni (1778-1779), «Paragone», LIV, 49, pp. 63-106.

Zannandreis D. (1891), Le vite dei pittori, scultori e architetti veronesi [ms., 1831-1834 ca.], edizione a cura di G. Biadego, Verona: Stab. Tip. Lit. G. Franchini.




DOI: http://dx.doi.org/10.13138/2039-2362/1841

Copyright (c) 2018 IL CAPITALE CULTURALE. Studies on the Value of Cultural Heritage


Licenza Creative Commons edita dall'eum e gestita dall'Università di Macerata, Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo, Sezione di Beni Culturali, piazzale Bertelli 1, 62100 Macerata, Italia.

Adotta specifiche politiche per la gestione e protezione dei dati.