«Meglio di qualunque descrizione fan conoscere gli usi». Le riproduzioni ottocentesche di pitture etrusche a partire dall’esempio del Museo Civico Archeologico di Bologna / «Meglio di qualunque descrizione fan conoscere gli usi…». The nineteenth-century reproductions of Etruscan paintings starting from the example of the Museo Civico Archeologico of Bologna

Marinella Marchesi

Abstract


Si pubblica qui, in una versione rielaborata dall'autrice, il testo dell'intervento proposto il 18 aprile 2018 in occasione del seminario in memoria di Claudia Giontella. Le riproduzioni di pitture etrusche che si dispiegano sulle pareti del salone destinato alle antichità etrusche del Museo Civico Archeologico di Bologna, già oggetto di precedenti articolati studi, vengono riconsiderate sia in relazione alle precedenti simili esperienze museografiche sia a seguito di una revisione della documentazione d'archivio e di una rilettura approfondita della variegata opera pittorica dell'artista bolognese Luigi Busi, loro artefice. Da ciò derivano alcuni interessanti spunti rispetto alla contestualizzazione e alle finalità museografiche, nonchè alle modalità di progettazione e realizzazione del ciclo pittorico.

Here is published the speech, reviewed by the author, presented on the 18th of April 2018 at the seminar in honor of Claudia Giontella. The Etruscan paintings reproductions spread over the walls of the vast hall dedicated to the Etruscan antiquities in the Archaeological Museum of Bologna, already widely analysed, are reconsidered both in relation to previous similar museographic experiences and following a revision of the archival documentation and a thorough re-reading of the variegated work of the Bolognese painter Luigi Busi, their maker. Some interesting ideas about museographic purposes and contextualization, as well as methods of planning and realization of the pictorial cycle are presented.


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Blanck H., Weber-Lehmann C., a cura di (1987), Malerei der Etrusker in Zeichnungen des 19. Jahrhunderts, catalogo della mostra (Colonia, 17 gennaio-5 aprile 1987) a cura di, Mainz am Rhein: Verlag Philipp von Zabern.

Brizio E. (1882), Il Museo Civico di Bologna, «La cultura», I, n. 1, pp. 103-107.

Brizio E., Frati L. (1882), Guida del Museo Civico di Bologna, Bologna: Regia Tipografia.

Brizio E., Frati L., Sighinolfi L. (1914), Guida del Museo Civico di Bologna, Bologna: F.lli Merlani.

Chia I., Costarelli A. (2018), Nella fucina di Luigi Busi: disegni e bozzetti ad olio, in Ingino 2018, pp. 33-42.

Buranelli F. (1986), Carlo Ruspi «Artista - Archeologo», in Pittura etrusca. Disegni e documenti del XIX secolo dall’archivio dell’Istituto Archeologico Germanico, guida alla mostra, a cura di F. Boitani (Roma, Tarquinia, Colonia, 1985-1987), Roma: De Luca, pp. 21-24.

Chillè O. (2018), Non solo opere da Cavalletto: Luigi Busi e la pittura decorativa, in Ingino 2018, pp. 23-32.

Chillè O., Dore A., Marchesi M. (in corso di stampa), «Meglio di qualunque descrizione fan conoscere gli usi...»: la Galleria delle pitture etrusche del Museo Civico Archeologico di Bologna, in Fac-simile 1: les collections de dessins modernes reproduisant la peinture étrusque. Organisation des fonds, contextes de production et d’utilisation/ Fac-simile 1: le collezioni di documentazione grafica sulla pittura etrusca. Consistenza dei fondi, contesti di produzione e impiego, Atti della giornata di studi (Roma, 11 dicembre 2017), a cura L. Cuniglio, N. Lubtchansky, S. Sarti, «MEFRA», n. 130.

Colonna G. (1978), A proposito del Museo Civico Archeologico, «Il Carrobbio», IV, pp. 147-154.

Colonna G. (1984), Le copie ottocentesche delle pitture etrusche e l’opera di Carlo Ruspi, in Morigi Govi, Sassatelli 1984, pp. 375-378.

Colonna G. (1999), Ancora sulla mostra dei Campanari a Londra, in Ricerche archeologiche in Etruria meridionale nel XIX secolo, Atti dell’incontro di studio (Tarquinia, 6-7 luglio 1966), a cura di A. Mandolesi, A. Naso, Firenze: All’Insegna del giglio, pp. 37-62.

Conestabile Della Staffa (1865), Pitture murali a fresco e suppellettili etrusche in bronzo e in terra cotta scoperte in una necropoli presso Orvieto nel 1863 da Domenico Golini, Firenze: coi tipi di M. Cellini e C.

Della Fina G.M. (2013), Le riproduzioni delle tombe dipinte Golini I e II, ed Hescanas, in Da Orvieto a Bolsena: un percorso tra Etruschi e Romani, catalogo della mostra, a cura di G.M. Della Fina, E. Pellegrini, Ospedaletto (Pi): Pacini, pp. 191-200.

Dore A. (2011), “...da questo suolo disseppllì le genti e le civiltà vetuste”. Giovanni Gozzadini fra indagini archeologiche e Museo Civico, in Giovanni Gozzadini 2011, pp. 25-40.

Dore A., Giovetti P., Guidi F., a cura di (2018), Ritratti di Famiglia. Personaggi, oggetti, storie del Museo Civico fra Bologna, l’Italia e l’Europa, catalogo della mostra (Bologna, Museo Civico Archeologico 10 marzo-19 agosto 2018), Bologna: Comune di Bologna.

Edoardo Brizio (1846-1907). Un pioniere dell’archeologia nella nuova Italia (2007), catalogo della mostra (Bra, Museo civico di archeologia storia arte Palazzo Traversa, 28 settembre-25 novembre 2007), Bra: Officine grafiche della comunicazione.

Giovanni Gozzadini padre dei Villanoviani nel bicentenario della nascita (1810-2010) (2011), Atti del convegno di studi (Villanova di Castenaso, 16 ottobre 2010) a cura di R. Rimondini, M. Sindaco, T. Trocchi, Bologna: Tipolito.

Gottarelli E. (1978), Urbanistica e architettura a Bologna agli esordi dell’unità d’Italia, Bologna: Cappelli.

Gozzadini G. (1881), Nella solenne inaugurazione del Museo Civico di Bologna fatta il 25 settembre 1881, Bologna: Fava e Garagnani.

Helbig W. (1863), Pitture cornetane, «Annali dell'Instituto di Corrispondenza Archeologica», XXXV, pp. 336-360.

Ingino S., a cura di (2018), Luigi Busi. L’eleganza del vero 1837-1884, catalogo della mostra, Bentivoglio: Grafiche dell'Artiere.

Lubtchansky N. (2017), Documentation graphique et musées de peinture étrusque, in Dipingere l’Etruria. Le riproduzioni delle pitture etrusche di Augusto Guido Gatti, a cura di L Cuniglio, N. Lubtchansky, S. Sarti, Venosa: Osanna edizioni, pp. 17-35.

Mandolesi A. (2011), Etruschi e Piemonte sabaudo: dal gusto “all’etrusca” al collezionismo archeologico, in La fortuna degli Etruschi nella costituzione dell’Italia unita, Atti del XVIII Convegno Internazionale di Studi Sulla Storia e l’Archeologia dell’Etruria, a cura di G.M. Della Fina, Orvieto: Quasar (Annali della Fondazione per il Museo «Claudio Faina»), pp. 109-133.

Mandolesi A. (2012), Il gusto “all’etrusca” in terra sabauda, in Etruschi. L’ideale eroico e il vino lucente, catalogo della mostra (Asti, 2012), a cura di A. Mandolesi, M. Sannibale, Milano: Electa, pp. 175-183.

Micali G. (1832), Monumenti per servire alla storia degli antichi popoli italiani, Firenze.

Moltesen M., Weber-Lehmann C. (1991), Catalogue of the copies of etruscan tomb painting in the Ny Carlsberg Glyptotek, Köbenhavn: Ny Carlsberg Glyptotek.

Monumenti inediti pubblicati dall’Instituto di Corrispondenza Archeologica (1829-1853), Rome et Paris : imprimé au frais de l’Institut de correspondance archeologique.

Morigi Govi C. (1984a), Il Museo Civico del 1881, in Morigi Govi, Sassatelli 1984, pp. 347-363.

Morigi Govi C. (1984b), Il Museo Civico del 1871, in Morigi Govi, Sassatelli 1984, pp. 259-267.

Morigi Govi C., Sassatelli G., a cura di (1984), Dalla Stanza delle Antichità al Museo Civico. Storia della formazione del Museo Civico Archeologico di Bologna, catalogo della mostra (Bologna, 1984), Casalecchio di Reno (Bo): Grafis Edizioni.

Paolucci F. (2017), Chiusi (Siena), Tomba della Scimmia, in Dipingere l’Etruria. Le riproduzioni delle pitture etrusche di Augusto Guido Gatti, a cura di L Cuniglio, N. Lubtchansky, S. Sarti, Venosa: Osanna edizioni, pp. 92-104.

Pelagio Palagi, artista e collezionista (1976), catalogo della mostra (Bologna, aprile-giugno 1976), Bologna: Grafis.

Pombeni P. (1988), L’Università di Bologna nell’età contemporanea, in L’Università a Bologna. Maestri, studenti e luoghi dal XVI al XX secolo, a cura di G.P Brizzi, L. Marini, P. Pombeni, Bologna: Cassa di Risparmio in Bologna, pp. 41-50.

Poppi C. (1996) a cura di, Pelagio Palagi pittore. Dipinti dalle raccolte del Comune di Bologna, catalogo della mostra (Bologna, 1996), Milano: Electa.

Roncuzzi V. (2012), Pelagio Palagi e il Gabinetto etrusco di Racconigi, in Etruschi. L’ideale eroico e il vino lucente, catalogo della mostra (Asti, 2012), a cura di A. Mandolesi, M. Sannibale, Milano: Electa, pp. 185-189.

Sannibale M. (2011), Cercare gli Etruschi, trovare gli Italiani. Il Museo Gregoriano Etrusco dall’archeologia romantica a Porta Pia, in La fortuna degli Etruschi nella costituzione dell’Italia unita, Atti del XVIII Convegno Internazionale di Studi Sulla Storia e l’Archeologia dell’Etruria, a cura di G.M. Della Fina, Orvieto: Quasar (Annali della Fondazione per il Museo «Claudio Faina»), pp. 473-524.

Sarti S. (2017), La galleria della pittura etrusca in facsimile a Firenze, in Dipingere l’Etruria. Le riproduzioni delle pitture etrusche di Augusto Guido Gatti, a cura di L Cuniglio, N. Lubtchansky, S. Sarti, Venosa: Osanna edizioni, pp. 37-50.

Sassatelli G. (1984a), Edoardo Brizio e la prima sistemazione storica dell’archeologia bolognese, in Morigi Govi, Sassatelli 1984, pp. 381-400.

Sassatelli G. (1984b), La «Galleria della pittura etrusca» nel salone X, in Morigi Govi, Sassatelli 1984, pp. 365-374.

Vitali D. (1984), La scoperta di Villanova e il Conte Giovanni Gozzadini, in Morigi Govi, Sassatelli 1984, pp. 223-237.

Weber-Lehmann C. (1986), I lucidi di Carlo Ruspi, in Pittura etrusca. Disegni e documenti del XIX secolo dall’archivio dell’Istituto Archeologico Germanico, guida alla mostra, a cura di F. Boitani (Roma, Tarquinia, Colonia, 1985-1987), Roma: De Luca, pp. 13-19.

Weber-Lehmann C., Lehmann H. (1987), Die Zeichnungen aus dem Jahrzehnt 1825 bis 1835, in Malerei der Etrusker in Zeichnungen des 19. Jahrhunderts, catalogo della mostra (Colonia, 17 gennaio-5 aprile 1987) a cura di H. Blanck, C. Weber-Lehmann, Mainz am Rhein: Verlag Philipp von Zabern, pp. 16-41.

Weber-Lehmann C. (2017), I facsimile di Boston e i materiali preparatori nella collezione Morani, in L’Etruria di Alessandro Morani. Riproduzioni di pitture etrusche dalle collezioni dell’Istituto Svedese di Studi Classici a Roma, catalogo della mostra (Roma, 5 dicembre 2017-4 febbraio 2018), a cura di A. Capoferro e S. Renzetti, Firenze: Edizioni Polistampa, pp. 147-152.




DOI: http://dx.doi.org/10.13138/2039-2362/1990

Copyright (c) 2018 IL CAPITALE CULTURALE. Studies on the Value of Cultural Heritage


Licenza Creative Commons edita dall'eum e gestita dall'Università di Macerata, Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo, Sezione di Beni Culturali, piazzale Bertelli 1, 62100 Macerata, Italia.

Adotta specifiche politiche per la gestione e protezione dei dati.