Oscurità, sguardo e lettura degli spazi. Sensibilità geografiche nel Notturno di D’Annunzio / Darkness, gaze and reading of spaces. Geographical sensitivities in the D’Annunzio’s Notturno

Giovanni Messina

Abstract


Il contributo intende collocarsi in seno al dibattito, propriamente geografico, che indaga il ruolo della percezione nella lettura, in ambito letterario, delle complessitàspaziali e del paesaggio. Nel caso di specie, si intende approfondire quanto la dimensione dell’oscurità, elemento saliente della notte, determini, nella poetica di D’Annunzio, specifiche letture dei contesti spaziali di riferimento. In particolare, si intende porre attenzione al Notturno, opera redatta in condizione di cecità. È nella privazione della vista e, dunque, nella contingenza di oscurità assimilabile – come indicato dal titolo – alla notte, che la sensibilità percettiva si acuisce e le letture spaziali, rielaborate in chiave letteraria, acquisiscono, dal punto di vista geografico, interesse particolare.

 

This paper aims to contribute to the geographical debate upon the role, in literature, of perception in reading space and landscapes. Here we want to investigate how the darkness, a salient element of the night, determines, in D’Annunzio’s poetics, specific readings of spaces. In particular, we want to focus on Notturno, a work written in conditions of blindness. The blindness, comparable – as indicated by the title – to the night, increases the perceptual sensitivity: this way, the spatial readings acquire, from a geographical point of view, particular interest.


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Borges J.L. (1984), Conversazioni Americane, a cura di W. Barnstone, Roma: Editori Riuniti.

Borges J.L. (2017), Elogio dell’ombra, Milano: Adelphi.

Brosseau M. (1994), Geography's Literature, «Progress in Human Geography», 18, n. 3, pp. 333-353.

Bureau L. (1997), Géographie de la nuit, Montreal: Boréal.

Buttitta A. (2003), Omero e Dante, Dante e Borges: un viaggio nella cultura, in Ulisse nel tempo. La metafora infinita, a cura di S. Nicosia, Venezia: Marsilio, pp. 279-290.

Calvino I. (1972), Le città invisibili, Torino: Einaudi.

Casati R. (2000), La scoperta dell’ombra, Milano: Mondadori.

Chiara P. (1978), Vita di Gabriele D’Annunzio, Milano: Mondadori.

Cusimano G. (1999), Luoghi percorsi discorsi, in La costruzione del paesaggio siciliano: geografi e scrittori a confronto, a cura di G. Cusimano, Palermo: Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Palermo, n. 12, pp. 7-30.

D’Alpaos L. (2010), L’evoluzione morfologica della Laguna di Venezia attraverso la lettura di alcu-ne mappe storiche e delle sue carte idrografiche, Venezia: Comune di Venezia – Istituzione Centro Previsioni e Segnalazioni Maree.

D’Annunzio G. (2017), Notturno, a cura di G. Davico Bonino, Milano: BUR.

Dante (1930), La Divina Commedia, a cura e con commento di C. Steiner, Torino: Paravia.

Dematteis G. (1999), Una geografia mentale, come il paesaggio, in La costruzione del paesaggio si-ciliano: geografi e scrittori a confronto, a cura di G. Cusimano, Palermo: Annali della Facoltà di Let-tere e Filosofia dell’Università di Palermo, n.12, pp. 155-164.

Farinelli F. (1999), Lo sguardo di Guatarrale, il silenzio di Kant, gli occhi di Humboldt, in La costru-zione del paesaggio siciliano: geografi e scrittori a confronto, a cura di G. Cusimano, Palermo: An-nali della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Palermo, n.12, pp. 147-154.

Farinelli F. (2003), Geografia. Un’introduzione ai modelli del mondo, Torino: Einaudi.

Farinelli F. (2016), L’invenzione della Terra, Palermo: Sellerio.

Gavinelli D. (2007), Geografia e Letteratura, in La letteratura contemporanea nella didattica della geografia e della storia, a cura di M. Casari, D. Gavinelli, Milano: CUEM, pp. 5-14.

Lando F. (1999), Luogo territorio e paesaggio. I segni del radicamento: geografia e letteratura, in La costruzione del paesaggio siciliano: geografi e scrittori a confronto, a cura di G. Cusimano, Pa-lermo: Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Palermo, n.12, pp. 203-216.

Lowenthal D. (1961), Geography, experience and imagination towards a geographical epistemolo-gy, «Annals of the Association of American Geographers», vol 51, n. 3, pp. 242-260.

Messina G., Lazzarotto C. (2018), Percezione e narrazione dei luoghi. La poetica di Guccini fra pro-spettive didattiche e applicazioni geografiche, in Percorsi sul pentagramma, Geografia, Musica e Letteratura, a cura di L. D’Agostino, Torino: Nuova Trauben, pp. 67-84.

Morandini G. (1960), Elementi geografici ed aspetti morfologici della laguna, , Istituto Veneto di Scienza Lettere ed Arti, 25.08.2019.

Ojetti U. (1960), Cose viste 1921-1943, Firenze: Sansoni.

Omero (2005), Odissea, a cura e con traduzione di R. Calzecchi Onesti, Torino: Einaudi.

Salter C.L., Lloyd W.J. (1977), Landscape in Literature, «Association of American Geographers-Resource Papers for College Geography», 76, n. 3, pp. 2-32.

Santoro L., a cura di (2013), Borges alla Tivù, «Quaderni d’altri Tempi», dicembre 2013, , 25.08.2019.

Smith C. (1994), L’occhio alato: Leon Battista Alberti e la rappresentazione di passato, presente e futuro, in Rinascimento. Da Brunelleschi a Michelangelo: la rappresentazione dell’architettura, a cu-ra di H. Millon, V. Magnano Lampugnani, Milano: Bompiani, pp. 453-455.

Steiner G. (2003), A note on Demodocos, in Ulisse nel tempo. La metafora infinita, a cura di S. Ni-cosia, Venezia: Marsilio, pp. 23-30.

Tissier J.L. (2007), Géographie et littérature, présentation (Geography and literature, presentation), «Bulletin de l’Association de géographes français», n. 3, pp. 243-247.

Wood L.T. (1970), Perception Studies in Geography, «Transactions of the Institute of British Geog-raphers», n. 50, pp. 129- 142.

Wright J.K. (1947), Terrae Incognitae: The Place of the Imagination in Geography, «Annals of the Association of American Geographers», 37, n. 1, pp. 1-15.




DOI: http://dx.doi.org/10.13138/2039-2362/2004

Copyright (c) 2019 IL CAPITALE CULTURALE. Studies on the Value of Cultural Heritage


Licenza Creative Commons edita dall'eum e gestita dall'Università di Macerata, Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo, Sezione di Beni Culturali, piazzale Bertelli 1, 62100 Macerata, Italia.

Adotta specifiche politiche per la gestione e protezione dei dati.