Norcia in the historical seismic sources (14th-19th centuries): a reassessment of the reconstruction and post-seismic management

Maria Teresa Gigliozzi

Abstract


The seismic event that devasted Norcia in 2016 leads us to reconsider the history of this town and its urban and architectural transformations, through the phenomena of earthquakes. They are in fact a decisive factor in the development of this urban centre. In the past, major damage had been caused by earthquakes of 1328 and then of 1703, 1730 and 1859. The abundant documentation available for the 18th and 19th centuries provides us with an extraordinary quantity of data on many aspects of these catastrophic events, not only on material damage and consequent reconstructive actions, but also on the perception of those involved more or less directly in the disaster and the emotional impact that the earthquakes provoked. An overview reading of the sources allows us to follow through the building activities of this urban centre, focusing on its peculiar seismic character, which was re-moulded, redesigned and often modified on the basis of the seismic risk.

L’evento sismico che ha colpito Norcia nel 2016 ci porta a riconsiderare la storia di questa città e le sue trasformazioni urbanistiche e architettoniche attraverso la lente dei terremoti. Essi infatti costituiscono un elemento decisivo nello sviluppo di questo centro urbano. In passato, i maggiori danni alla città furono causati dal sisma del 1328 e poi da quelli del 1703, 1730 e del 1859. L’abbondante documentazione conservata per i secoli XVIII e XIX fornisce una straordinaria quantità di dati su molti aspetti, non solo sui danni materiali e le conseguenti azioni ricostruttive, ma anche sulla percezione e l’impatto emotivo che il terremoto esercitò su quanti furono coinvolti più o meno direttamente nel disastro. Una lettura complessiva delle fonti consente di ripercorrere le vicende costruttive del centro urbano guardando proprio al suo aspetto peculiare di “città sismica”, ripetutamente modellata sul rischio tellurico.

 


Full Text

PDF (English)

Riferimenti bibliografici


Acconci A., edited by (2017), Rinascite: opere d’arte salvate dal sisma di Amatrice e Accumoli, Milano: Electa.

Antonio da Orvieto, Cronologia della provincia serafica riformata dell’Umbria (…), raccolta dal Padre Antonio da Orvieto (…), in Perugia pe’l Costantini stampator camerale episcopale, MDCCXVII.

Benazzi G., Toscano B., edited by (1983), Arte in Valnerina e nello Spoletino, Emergenza e tutela permanente, exhibition catalog (Spoleto Ex Chiesa di S. Nicolò, June 25 – August 30, 1983), Roma: Multigrafica Editrice.

Bianchi A., Chiaverini R., Rossetti C. (2001), Norcia “nuova”. Trasformazioni urbanistiche dopo il terremoto del 1859 (Mostra laboratorio, Complesso di S. Francesco e Castellina, Norcia, March 3 – April 18, 2001), Norcia: Grafiche Millefiorini.

Cappelli F. (2006), La Salaria e le vie della cultura artistica nel Piceno medievale, in Farfa abbazia imperiale, Atti del convegno internazionale (Farfa, Santa Vittoria in Matenano, August 25-29, 2003), Negarine di S. Pietro in Cariano (VR): Il Segno dei Gabrielli Editori, pp. 255-308.

Cervini F., edited by (2018), Milleduecento: civiltà figurativa tra Umbria e Marche al tramonto del Romanico, exhibition catalog (Matelica, June 9 – November 4, 2018), Cinisello Balsamo: Silvana Editoriale.

Cesi A. (2002), La castellina di Norcia. Storia di un edificio, in Le fabbriche di Jacopo Barozzi da Vignola. I restauri e le trasformazioni, exhibition catalog (Vignola, March 30 – July 7, 2002), Milano: Electa.

Chiaverini R., edited by (2017), Preci. Oltre il sisma, Perugia: Centro Stampa Assemblea legislativa della Regione Umbria.

Chiaverini R., Severini E. (2003), Norcia. Celebrazioni in onore di san Benedetto patrono d’Europa. Un viaggio attraverso la festa dal XIV secolo ai nostri giorni («Collana storica», 1), Norcia: Associazione manifestazioni Storiche dell’Umbria.

Comino C., Iambrenghi F. (2013), Seicento inedito. L’ultima età dell’oro della Città di Norcia, Firenze: Nerbini.

Cordella R. (1998), La frontiera aperta dell’Appennino: uomini e strade nel crocevia dei Sibillini, Perugia: Quattroemme.

Cordella R. (2002), Norcia. Guida storico-artistica, Norcia: Una mostra, un restauro.

Cordella R. (2014), Un pittore dalmata a Norcia, in San Benedetto da Norcia patrono d’Europa: cinquantenario della proclamazione: 1964-2014, edited by G.P. Stefanelli, Norcia: Comune di Norcia, p. 405.

Cordella R. (2018), La piazza grande di Norcia dopo il terremoto del 1703, «Spoletium», 54-55, n.s. 10-11, pp. 133-135.

Delpriori A. (2008), Nell’ombra di Bartolomeo di Tommaso e Nicola di Ulisse: le storie di San Benedetto in Santa Scolastica a Norcia, in Pittori ad Anconanel Quattrocento, edited by A. De Marchi, M. Mazzalupi, Milano: Federico Motta Editore, pp. 196-209.

Delpriori A. (2015), La scuola di Spoleto. Immagini dipinte e scolpite nel Trecento tra Valle Umbra e Valnerina, Perugia: Quattroemme.

De Marchi A., Falaschi P.L., edited by (2003), I Da Varano e le arti, Atti del Convegno internazionale (Camerino, 4-6 October 2001), 2 vols., Ripatransone: Gianni Maroni Editore.

De Marchi A., Giannatiempo G., edited by (2002), Il Quattrocento a Camerino: luce e prospettiva nel cuore della Marca, exhibition catalog (Camerino, convento di S. Domenico, July 19 – November 17, 2002), Milano: Federico Motta Editore.

Franceschini M. (1913), Memorie storiche di Cascia fabbricata dopo le rovine di Cursula, antico municipio romano, raccolte dal sacerdote Marco Franceschini l’anno del Signore MDCCCXIX, edited by F. Franceschini, Cascia: Tipografia M. Ciccotti.

Garibaldi V., Delpriori A., edited by (2018), Capolavori del Trecento. Il cantiere di Giotto, Spoleto e l’Appennino, exhibition catalog (Trevi, Montefalco, Spoleto e Scheggino, June 4 – November 4, 2018), Perugia: Quattroemme.

Gasparetti P. (1964-1966), La “via degli Abruzzi” e l’attività commerciale di Aquila e Sulmona nei secoli XIII e XV, «Bollettino della Deputazione Abruzzese di Storia patria», n. 54-56, pp. 7-103.

Gigliozzi M.T. (2019), Norcia città sismica. La basilica di S. Benedetto paradigma di rinascite, Roma: Campisano Editore.

Giovanni Villani, Nuova Cronica, edited by G. Porta (1991), Parma: Guanda.

Iambrenghi F. (1998), I danni dei terremoti del 1997-98 al patrimonio storico, artistico e architettonico della Valnerina e dello Spoletino: Norcia, «Spoletium», n. 39, pp. 29-35.

Imponente A., Torlontano R. (2015), Amatrice. Forme e immagini del territorio, Milano: Electa.

I terremoti dell’Appennino umbro-marchigiano: area centrale e meridionale dal I secolo a.C. al 2000 (2007), edited by G. Bertolaso, E. Boschi, in collaboration with E. Guidoboni, G. Ferrari, S. Castenetto, D. Mariotti, G. Valensise, Roma: Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, Bologna: Storia geofisica ambiente.

Lattanzio F. (2013), Il Comune di Norcia e i suoi rapporti con il governo pontificio nel secolo XV, PhD in Medieval History, coordinator A. Zorzi, tutor S. Carocci, University of Florence, years 2011-2013, , 10.09.2018.

Lettres de G. Desnoues professeur d’anatomie, & et de chirurgie (…) et de Mr. Guglielmini, professeur de médicine et de mathématiques (…) et d’autres sâvans [P. Nanni; Fr. Bianchini Mistichelli] sur differentes nouvelles découvertes, a Rome, chez Antoine Rossi, imprimetur, MDCCVI, pp. 192-204, , 10.01.2019.

Marcelli F., edited by (1998), Il Maestro di Campodonico. Rapporti artistici tra Umbria e Marche nel Trecento, Fabriano: Conerografica.

Marchi A., Spina G., Bettini A., edited by (2018), Il Quattrocento a Fermo: tradizione e avanguardie da Nicola di Ulisse da Siena a Carlo Crivelli, Cinisello Balsamo: Silvana Editoriale.

Mattei D. (2015), La scultura in Valnerina tra i secoli XIV e XVI: scoperte e nuove proposte, Foligno: Il Formichiere.

Mazzalupi M. (2008), Giambono di Corrado da Ragusa, in Pittori ad Ancona nel Quattrocento, edited by A. De Marchi, M. Mazzalupi, Milano: Federico Motta Editore, pp. 178-181.

Pasqualetti C., edited by (2014), La via degli Abruzzi e le arti nel Medioevo, L’Aquila: One Group.

Piccarreta M., edited by (2007), Beni Culturali in Umbria: dall’emergenza sismica alla ricostruzione, Viterbo: BetaGamma.

Pistilli P.F., Manzari F., Curzi G., edited by (2008), Universitates e Baronie. Arte e architettura in Abruzzo e nel Regno al tempo dei Durazzo, Atti del convegno (Guardiagrele-Chieti, November 9-11, 2006), 3 vols., Pescara: Edizioni Zip.

Quinterio F., Canali F. (2010), Percorsi d’architettura in Umbria, edited by R. Avellino, Foligno: Edicit Editrice Centro-Italia.

Relazione generale delle ruine, e mortalità cagionate dalle scosse del terremoto de’ 14 gennaro, e 2 febbraro 1703 in Norcia e Cascia e loro contadi (…), trasmessa da (…) Pietro De Carolis, commissario apostolico in detti luoghi (…), in Roma MDCCIII per Luca Antonio Chracas, pp. 7-15.

Sisani S., Camerieri P. (2013), Nursia: topografia del centro urbano, in Nursia e l’ager Nursinus. Un distretto sabino dalla praefectura al municipium, ed. S. Sisani, Roma: Edizioni Quasar, pp. 103-111.

Tomei A., Benati D., edited by (2005), L’Abruzzo in età angioina. Arte di frontiera tra Medioevo e Rinascimento, Atti del Convegno (Chieti, April 1-2, 2004), Cinisello Balsamo: Silvana Editoriale.

Viscogliosi A., edited by (2016), Amatrice: storia, arte e cultura, Cinisello Balsamo: Silvana Editoriale.




DOI: http://dx.doi.org/10.13138/2039-2362/2082

Copyright (c) 2019 IL CAPITALE CULTURALE. Studies on the Value of Cultural Heritage


Licenza Creative Commons edita dall'eum e gestita dall'Università di Macerata, Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo, Sezione di Beni Culturali, piazzale Bertelli 1, 62100 Macerata, Italia.

Adotta specifiche politiche per la gestione e protezione dei dati.