Sculture nei Musei Capitolini. Note per una storia del restauro tra il 1830 e l’Unità d’Italia / Sculptures in the Capitoline Museums. Notes for a history of restoration between 1830 and the Unification of Italy

Chiara Mannoni

Abstract


La ricostruzione della storia e delle vicende collezionistiche dei Musei Capitolini presenta una sostanziale lacuna che va all’incirca dagli anni ’20 dell’Ottocento agli eventi immediatamente successivi all’elezione di Roma a capitale d’Italia. Nella prospettiva di colmare parzialmente tale vuoto storiografico, il presente contributo propone una lettura delle campagne di restauro e conservazione operate sul materiale scultoreo della collezione in questi anni, attraverso l’analisi dei documenti conservati presso l’Archivio Capitolino, fondi Presidenze e Deputazioni e Commissione Archeologica Municipale. In questo contesto l’analisi dei carteggi restituisce, da un lato, la presenza di una fitta rete di personaggi attivi nel museo, dal presidente ai restauratori agli scalpellini, dall’altra evidenzia il graduale emergere di nuovi modelli nelle prassi del restauro scultoreo e nell’approccio alla comprensione della storia di Roma antica.

The reconstruction of the history and the events that involve the collections in the Capitoline Museums shows a substantial gap in the years between 1820s and the election of Rome as the capital of Italy in the early 1870s. In the perspective to bridge such a historiographical gap, this paper offers an interpretation of the campaigns of restoration and conservation that were carried out on the sculptures of the museum in these years, through the analysis of the documents which are kept in the Capitoline Archive, files Presidencies and Deputations and Archeological Municipal Commission. In this context, the investigation of the original records will demonstrate, on the one hand, the presence of several people working in the museum, from the president to the restorers to the stonecutters, as well as, on the other hand, the gradual emerging of new standards in the restoration of sculpture and the approach to the understanding of the history of ancient Rome.


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Arata F. P. (2016), Il secolo d’oro del Museo Capitolino (1733-1838). Nascita e formazione della prima collezione pubblica di antichità, Roma: Campisano.

Gregorio XVI. Miscellanea Commemorativa (1948), «Miscellanea Historiae Pontificiae», XIII, n. 22-36, Roma: Facultate Historiae Ecclesiasticae in Pontificia Universitate Gregoriana,.

Cima di Puolo M. (1993), L’opera di Giacomo Cerulli, scultore e restauratore ottocentesco nelle Collezioni Capitoline di Antichità, «Bollettino della Commissione Archeologica di Roma», 95, pp. 244-262.

Dodero E., Parisi Presicce C., (2017), Il Tesoro di Antichità: Winckelmann e il Museo Capitolino nella Roma del Settecento, catalogo della mostra (Roma, Musei Capitolini, 7 dicembre 2017-22 aprile 2018), Roma: Gangemi.

Fedi F. (1997), In nome del nostro Giacomo: Saggio di edizione del carteggio Ranieri-Melchiorri, in Feconde venner le carte, a cura di Crivelli T., Milano: Casagrande Bellinzona, pp. 506-528.

Francescangeli L. (2014), Politiche culturali e conservazione del patrimonio storico-artistico a Roma dopo l’Unità. Il Titolo 12 ‘Monumenti Scavi Antichità Musei’ (1871-1920), Roma: Viella.

Franceschini M. (1987), La Presidenza del Museo Capitolino (1733-1869) e il suo archivio, «Bollettino dei Musei Comunali di Roma», I, pp. 63-72.

Gennarelli A. (1857), Necrologio Romano, «Archivio Storico Italiano», VI, pp. 38-47.

Franceschini M., Vernesi V., a cura di (2005), Statue di Campidoglio: diario di Alessandro Gregorio Capponi, 1733-1746, Città di Castello: Edimond.

Izzi G. (2006), Giuseppe Melchiorri, dall’Antiquaria alla Storia, in Fictions of isolation: artistic and intellectual exchange in Rome during the first half of the XIX century, edited by Lorenz E., Nino Z., Conference Proceedings (Rome, 5-7 June 2003), Rome: Academy of Denmark, pp. 49-58.

Longo F., Zaccagnini C., Fabbrini F., a cura di (2008), Gregorio XVI promotore delle Arti e delle Culture, Atti del Convegno (Roma, 22-24 Marzo 2006), Pisa: Ospedaletto.

Mannoni C. (2013), La “Guida metodica di Roma e suoi Contorni”. Il viaggio erudito ai Castelli Romani del Cav. Giuseppe Melchiorri, Presidente del Museo Capitolino, «Castelli Romani – Vicende, uomini, folklore», XXI, n. 1, pp. 12-15.

Mannoni C. (2016), Giuseppe Melchiorri, Presidente antiquario nel 1838. La disputa tra Vaticano e Campidoglio per il controllo del Museo Capitolino, «Ricerche di Storia dell’Arte», 118, pp. 95-102.

Mannoni C. (2017), Il ‘Piano di Statistica di Antichità e Belle Arti’ come modello per una nuova tutela del patrimonio artistico nello Stato Pontificio, in Antico, conservazione e restauro a Roma nell’età di Leone XII, a cura di I. Fiumi Sermattei, R. Regoli, M.P. Sette, Ancona: Quaderni del Consiglio Regionale delle Marche, pp. 211-221.

Melchiorri G. (1844), Lettera al Sig. Cav. G. de Witte intorno allo stato attuale del Museo Capitolino, Roma: Tipografia della Minerva.

Pietrangeli C. (1963), I Presidenti del Museo Capitolino, «Capitolium», XXXVIII, pp. 604-609.

Pietrangeli C. (1964), La formazione delle raccolte, «Capitolium», XXXIX, pp. 209-212.

Rossi Pinelli O. (1981), Artisti, falsari o filologi? Da Cavaceppi a Canova, il restauro della scultura tra arte e scienza, «Ricerche di Storia dell’Arte», 13-14, pp. 41-56.

Severini M. (2009), Melchiorri, Giuseppe, in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 73, Roma: Istituto dell’Enciclopedia Italiana, pp. 263-265.

Sommella Mura A. (1992), L'Antiquarium comunale e le raccolte capitoline da “Roma capitale” ai progetti per la loro sistemazione, 1870-1992, in Invisibilia. Rivedere i capolavori, vedere i progetti, catalogo della mostra (Roma, Palazzo delle Esposizioni, 19 febbraio-12 aprile 1992), Roma: Carte Segrete, pp. 145-150.




DOI: http://dx.doi.org/10.13138/2039-2362/2256

Copyright (c) 2020 IL CAPITALE CULTURALE. Studies on the Value of Cultural Heritage


Licenza Creative Commons edita dall'eum e gestita dall'Università di Macerata, Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo, Sezione di Beni Culturali, piazzale Bertelli 1, 62100 Macerata, Italia.

Adotta specifiche politiche per la gestione e protezione dei dati.