«...non sono spese da Provincia». Le tele di Anton Maria Garbi per la Galleria di Lanciano e la committenza artistica di Alessandro Bandini Collaterali / «...non sono spese da Provincia». The paintings by Anton Maria Garbi for Lanciano Gallery and the artistic patronage of Alessandro Bandini Collaterali

Giuseppe Capriotti

Abstract


Dopo aver terminato il restauro della rocca varanesca di Lanciano entro il 1769, Alessandro Bandini Collaterali, marchese di Camerino, promuove nel nuovo palazzo un’ambiziosa campagna decorativa, partendo proprio dalla straordinaria galleria, decorata con tele di soggetto mitologico, di cui finora non si conosceva l’autore. A seguito di una fortunata ricerca di archivio, è stato possibile identificare il pittore delle tele nel perugino Anton Maria Garbi, e l’artefice delle principali decorazioni nel camerinese Tommaso Appiotti. Attraverso l’analisi di questi primi dati archivistici comincia ad emergere inoltre la personalità del committente, che guardava con insistenza a modelli romani.

 

After finishing the restoration of the Varano fortress of Lanciano by 1769, Alessandro Bandini Collaterali, marquis of Camerino, promotes an ambitious decorative campaign in the new building, starting with the extraordinary gallery, decorated with mythological paintings;  the author of these paintings was unknown until now. Following a successful archival research, it has been possible to identify the painter of these pictures, that is Anton Maria Garbi from Perugia, and the maker of the main decorations, Tommaso Appiotti from Camerino. Through the analysis of these early archival data, also the personality of the patron begins to emerge, in particular his persistent interest in Roman models.


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Alla nobile, e magnanima donzella la Signora Lavinia Voglia Patrizia Camerinese che con mirabile esempio di costanza, e pietà veste l’abito religioso…(1756), Camerino: Nella Stamperia del Gabrielli.

Alli nobilissimi sposi il Signor Marchese Sigismondo Bandini di Lanciano, e Rustano Patrizio di Camerino e la signora Elisabetta Missini patrizia di Orvieto (1823), Macerata: Presso Bartolommeo Capitani.

Arnesi C. (1976), Gaetano Lapis i dipinti, Urbania: s.e. Barroero L., Caretta P., Metelli C. (2000), Pittura del Seicento e Settecento. Ricerche in Umbria, 3: la Teverina umbra e laziale, Treviso: Canova.

Bocca A. (1961), Il Palazzo del Banco di Roma, Roma: Staderini.

Bowron E.P., Kerber P.B. (2007), Pompeo Batoni. Prince of Painters in Eighteenth-Century Rome, New Haven – London: Yale University Press.

Casale V., Falcidia G., Pansecchi F., Toscano B., Barroero L. (1980), Pittura del Seicento e del Settecento. Ricerche in Umbria, 2, Treviso: Canova.

Casale V. (2007/2008), L’affresco di Mengs nella volta della Stanza dei Papiri: i risvolti di una sofferta esecuzione, «Bollettino dei Monumenti Musei e Gallerie Pontificie», XXVI, pp. 157-174.

Catani E. (1988), Nuovi documenti per l’archeologia urbisalviese: gli scavi Bandini nella seconda metà del XVIII secolo, «Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Macerata», XXI, pp. 253-295.

Catani E. (1989), Scavi pontifici nel 1777 nella Marca anconetana: Marano, Recina, Falerone, Urbisaglia, «Atti e memorie della Deputazione di storia patria per le Marche», 93, pp. 191-274.

Clark A.M. (1985), Pompeo Batoni. A Complete Catalogue of his Works with an Introductory Text, Oxford: Phaidon. Componimenti per l’esaltazione dell’E.mo e R.mo Principe Antonio Saverio Gentili Patrizio Camerinese alla Sagra Porpora (1731), Camerino: Appo il Gabrielli per Saverio di Simone.

Consolati P. (1999), I Giustiniani-Bandini, Tolentino: Fondazione Giustiniani Bandini.Delogu G.F. (2005-2006), Tre opere datate di Anton Maria Garbi e altre

aggiunte al catalogo, «Notizie da Palazzo Albani», 34/35, pp. 195-207.

Di Paola P. (1999), s.v. Garbi, Antonio Maria, in Dizionario Biografico degli Italiani, 52, pp. 258-260.

Fioretti D. (1996), Nobiltà e biblioteche tra Roma e le Marche nell’età dei Lumi, Ancona: Proposte e ricerche.

Fioretti D. (2005), Lettere dal collegio. La formazione di Sigismondo e Francesco Chigi e di Alessandro Bandini (XVIII secolo), in Educare la nobiltà, Atti del Convegno nazionale distudi (Perugia, Palazzo Sorbello, 18-19 giugno 2004), a cura di G. Tortorelli, Bologna: Pendragon, pp. 223-261.

Fresnault-Deruelle P. (2008), Le bien curieux manège d’Arlequin, in La liaison, Actes du huitième colloque du CICADA (4-6 décembre 1997), sous la direction de B. Rougé, Pau: Publications de l’Université de Pau, pp. 109-115.

Ginzburg S. (2008), La Galleria Farnese. Gli affreschi dei Carracci, Milano: Electa.

Giuggioli A. (1980), Il Palazzo De Carolis in Roma, Roma: s.e.

Mazzalupi M. (2011), Appunti di storia dell’arte per Castelraimondo, in

Castelraimondo nell’anniversario dei 700 anni dalla sua fondazione, a cura di P. Moriconi, Camerino: Arte Lito, pp. 201-214.

Moscosi D. (2013), L’apparato decorativo del piano nobile del castello di Lanciano di Castelraimondo, in Territorio, città e spazi pubblici dal mondo antico all’età contemporanea. II. La Forma Urbis. Città reale e città immaginata, Atti del XLVII convegno di studi storici maceratesi (Abbadia di Fiastra, Tolentino, 26-27 novembre 2011), Macerata: centro di studi storici maceratesi, pp. 455-485.

Perari M.E. (1979), Anton Maria e Domenico Garbi, «Esercizi», 2, pp. 65-71.

Pieretti M. (2007), Il Viaggio d’Italiadi Margherita Sparapani Gentili Boccapaduli, in

Scrittura di donne. La memoria restituita, Atti del convegno (Roma, 23-24 marzo 2004), a cura di M. Caffiero, M.I. Venzo, Roma: Viella, pp. 61-77.

Pierguidi S. (2004), Il programma sacrificato ai pittori: la gallerie La Vrillière (Parigi, 1635-1660), Spada (Roma, 1698-1705) e Bonaccorsi (Macerata, 1710-1717), «Saggi e memorie di storia dell’arte», 28, pp. 129-168.

Prosperi Valenti Rodinò S. (2013), Giovanni Gaetano Bottari “eminenza grigia” della politica culturale dei Corsini, in I Corsini tra Firenze e Roma. Aspetti della politica culturale di una famiglia papale tra Sei e Settecento, Atti della giornata di studi (Roma, Palazzo Poli, 27-28 gennaio 2005), Milano: Silvana Editoriale, pp. 157-170.

Raponi N. (1996), Alessandro Verri e il trattato di Tolentino, «Quaderni del Bicentenario», 2, pp. 121-131.

Ricci A. (1834), Memorie storiche delle arti e degli artisti della Marca di Ancona, II, Macerata: Tipografia di Alessandro Mancini.

Riccòmini E., Bernardini C., a cura di (1998), Donato Creti. Melanconia e perfezione, Milano: Olivares.Rime in occasione che vestono l’abito religioso nell’inclito monastero di S. Salvatore di Camerino le nobili zitelle Teresa e Rosa Strada de’ Signori di Beldiletto (1763), Camerino: Nella Stamperia del Gabrielli.

Rime negli sponsali degl’Ill.mi Signori, il Signore Francesco De Sanctis Patrizio di Fabriano e la Signora Marchesa Teresa Maculani Perbenedetti Patrizia di Camerino (1745), Camerino: Nella Stamperia del Gabrielli.

Rime per le faustissime nozze de’ nobili, e ragguardevoli sposi Sebastiano Valentini patrizio di Camerino e Rosa Francolini patrizia di Fermo (1767), Camerino: Nella Stamperia del Gabrielli.

Rime per le splendide famosissime nozze de’ nobilissimi sposi Giuseppe Conti de’ Conti di San Maroto Cavaliere di Santo Stefano patrizio camerinese e Teresa de’ Conti Grassi patrizia bolognese... (1706), Camerino: Nella Stamperia del Gabrielli.

Rubino G.E. (1973), La sistemazione del Museo borbonico di Napoli nei disegni di Fuga e Schiantarelli (1777-1779), «Napoli Nobilissima», XII-IV, pp. 125-144.

Verri P. e V. (2008), Corrispondenza, a cura di S. Rosini, Roma: Edizioni di storia e letteratura.

Zanella A. (1994), I palazzi della Banca di Roma. Palazzo De Carolis, Roma: s.e.




DOI: http://dx.doi.org/10.13138/2039-2362/950

Copyright (c) 2015 IL CAPITALE CULTURALE. Studies on the Value of Cultural Heritage

Licenza Creative Commons edita dall'eum e gestita dall'Università di Macerata, Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo, Sezione di Beni Culturali, piazzale Bertelli 1, 62100 Macerata, Italia.

Adotta specifiche politiche per la gestione e protezione dei dati.