Un punto di vista alternativo? Dal diritto della paura al diritto alla paura

Ombretta Di Giovine

Abstract


In passato, oltre a sottolineare quanto il diritto positivo e quello giurispru- denziale siano “emotivi” – si tratta invero di un dato notorio e generalmente stigmatizzato nel dibattito tra esperti–, abbiamo argomentato che lo sono anche quando credono di essere razionali (nel senso tradizionale del termine); che la razionalità (sempre nell’accezione comune) è non sempre realizzabile; che, quando lo è, ciò non necessariamente è una cosa positiva.

Anche con specifico riferimento alla paura, ci impegneremo a dimostrare che i suoi rapporti con il diritto penale sono più ambigui di quel che sembra. L’assai celebrata razionalità di scopo penalistica – sovente invocata come antidoto alla paura – è tanto irreprensibile in astratto quanto in concreto inaf- ferrabile e si rivela, come tale, (almeno dal nostro punto di vista, insoppor- tabilmente) cangiante, a seconda delle preferenze ideologiche di chi, di caso in caso, la difende. Non giungeremo peraltro a conclusioni definitive (che, d’altronde, difficilmente potrebbero essere tratte), ritenendoci già soddisfatti se riusciremo a mettere in luce alcune insidie della posizione dominante.



Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.