I fattori di successo nelle strategie di sviluppo culture-driven / Key assets in culture-driven development strategies

Alessia Zorloni, Ilaria Tiezzi

Abstract


Negli ultimi anni, numerosi studiosi hanno messo in evidenza come la cultura sia importante non solamente in quanto costituisce un fondamentale valore di civiltà, ma anche perché rappresenta una risorsa fondamentale per una crescita economica sostenibile. In questo articolo, nella prima parte, cercheremo pertanto di analizzare lo stato attuale della cultura in Europa attraverso i principali indicatori, prestando particolare attenzione alle correlazioni esistenti tra cultura, innovazione e competitività dei Paesi. La seconda parte affronterà il ruolo strategico della cultura per lo sviluppo di un territorio e attraverso l'analisi di due casi si analizzerano le iniziative culture-driven implementate da Vienna e Barcellona, che negli ultimi anni hanno fatto notevoli investimenti in campo culturale. Lo studio ha permesso di individuare quattro fattori comuni che hanno portato al successo dei piani strategici di rinnovamento delle due città: il sostegno politico e finanziario di lungo periodo da parte degli stakeholders; una chiara attribuzione dei ruoli tra gli stakeholders; un'elevata autonomia nella gestione dei budget e la presenza di manager con esperienze e network internazionali.

 

In recent years, many scholars have pointed out that culture is important not only because it is a fundamental value of civilization, but also because it represents a key resource for sustainable economic growth. In this article, in the first part, we will analyze the current state of culture in Europe through the main indicators, paying particular attention to the relationships between culture, innovation and competitiveness of countries. The second part will address the strategic role of culture in the development of a territory and through the analysis of two cases we analyze the culture-driven initiatives implemented by Vienna and Barcelona which in recent years have made substantial investment in the cultural field. The study has made it possible to pinpoint four common factors that have led to the success of two strategic city renewal plans: the political and financial support from stakeholders, a clear allocation of roles between the stakeholders, a high degree of autonomy in the management of budgets and the presence of managers with international experience and network.


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Benhamou F. (2004), L’economia della cultura, Bologna: Il Mulino. Confcommercio-Format, a cura di (2009), Cultura e PMI, Firenze: Confcommercio-Format.

Cresswell J.W. (2007), Qualitative enquiry and research design: Choosing among fi ve approaches, Thousand Oaks, CA: Sage.

Eurostat (2011), Culture Statistics Pocketbooks, Brussels: European Community.

Florida R. (2002), The Rise of the Creative Class, New York: Basic Books.

Frey B., Stutzer A. (2001), Happiness and economics: How the economy and institutions affect human well being, Princeton: Princeton University Press.

Grossi R., a cura di (2010), La cultura serve al presente, VII Rapporto Federculture, Milano: Etas.

Oecd (2010), Oecd Factbook 2010: Economic, Environmental and Social Statistics, Paris: Oecd.

Porter M. (1990), The Competitive Advantage of Nations, New York: The Free Press. Ricciardi C., Gambaro M. (1997), Economia dell’informazione e della comunicazione, Roma: Laterza.

Rockhart J.F. (1979), Chief executives defi ne their own data needs, «Harvard Business Review», 57, n. 2, pp. 238-241.

Sacco P. (2002), La cultura come risorsa economica per lo sviluppo locale, «La nuova città», 8, n. 2/3, pp. 79-87.

Sacco P. (2010), La partecipazione culturale come spazio di coesione sociale. Idee ed esperienze, in La cultura serve al presente, VII Rapporto Federculture, a cura di R. Grossi, Milano: Etas.

Sacco P., Ferilli G. (2006), Il distretto culturale evoluto nell’economia post industriale, Università IUAV di Venezia, working paper 4/06 http://www.iuav.it/Ricerca1/Dipartimen/dADI/Working-Pa/wp_04_2006.pdf, 28.01.2013.

Sacco P., Grossi E., Tavano Blessi G., Cerutti R. (2011), The Impact of Culture on the Individual Subjective Well-Being of the Italian Population: An Exploratory Study, «Applied Research in Quality of Life», in corso di pubblicazione.

Sacco P., Pedrini S. (2003), Il distretto culturale: mito o opportunità?, «Il Risparmio», 51, n. 3, pp. 101-155.

Sacco P., Tavano Blessi G. (2005), Distretti culturali evoluti e valorizzazione del territorio, «Global and Local Economic Review», 8, n. 1, pp. 7-41.

Santagata W. (2000), Distretti culturali, diritti di proprietà e crescita economica sostenibile, «Rassegna economica», 64, n. 1, pp. 31-61.

Santagata W. (2001), Economia creativa e distretti culturali, «Economia della cultura», 11, n. 2, pp. 167 173.

Santagata W. (2007), La fabbrica della cultura, Bologna: Il Mulino.

Sen A. (1994), Well-Being, Capability and Public Policy, «Giornale degli economisti e annali di economia», n. 7-9, pp. 333-348.

Sen A. (1997), Editorial: Human Capital and Human Capability, «World Development», 25, n. 12, pp. 1959 1961.

Tavano Blessi G. (2006), Città satellite? Le Laives d’Europa: quale sviluppo attraverso la cultura, Roma: Meltemi Editore.

Throsby D. (2001), Economics and Culture, Cambridge: Cambridge University Press.

Valentino P. (2001), I distretti culturali: nuove opportunità di sviluppo del territorio, Roma: Civita.

World Economic Forum (2011), The Global Competitiveness Report 2010- 2011, Geneva: World Economic Forum.




DOI: http://dx.doi.org/10.13138/2039-2362/511

Copyright (c) 2015 IL CAPITALE CULTURALE. Studies on the Value of Cultural Heritage

Licenza Creative Commons edita dall'eum e gestita dall'Università di Macerata, Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo, Sezione di Beni Culturali, piazzale Bertelli 1, 62100 Macerata, Italia.

Adotta specifiche politiche per la gestione e protezione dei dati.